Istanze telematiche relative ai riscatti ai fini Tfs e Tfr: le nuove funzionalità rese disponibili da Inps

Istanze telematiche relative ai riscatti ai fini Tfs e Tfr: le nuove funzionalità rese disponibili da Inps

L’Inps, con il Messaggio n. 2939 del 31 luglio 2019, rende noto che,a decorrere dal 29 luglio 2019, nell’ambito dei servizi on line offerti sul Portale Inps, è disponibile l’applicativo che consente all’utente e all’Ente datore di lavoro l’inoltro di istanze telematiche relative ai riscatti ai fini del Tfs e del Tfr.

In particolare, sono disponibili le seguenti funzionalità:

Per il cittadino:

  • domanda di riscatto ai fini Tfs/Tfr (solo per i dipendenti di Enti Locali e Sanità);
  • richiesta di anticipata estinzione delle rate residue di riscatto ai fini Tfs/Tfr;
  • richiesta di esonero dal pagamento delle rate residue di riscatto ai fini Tfs/Tfr;
  • rinuncia al riscatto ai fini Tfs/Tfr;
  • simulazione del calcolo dell’onere di riscatto.

Per i datori di lavoro:

  • domanda di riscatto ai fini Tfs/Tfr (solo per le Amministrazioni statali);
  • richiesta di anticipata estinzione delle rate residue di riscatto ai fini Tfs/Tfr;
  • richiesta di esonero dal pagamento delle rate residue di riscatto ai fini Tfs/Tfr;
  • nuova domanda di riscatto ai fini Tfs/Tfr a rettifica della precedente già inoltrata (solo per le Amministrazioni statali).

L’accesso ai suddetti servizi è disponibile selezionando la voce di menu “Prestazioni e Servizi” all’interno della quale sarà possibile attivare la Scheda prestazione “Riscatti Tfs e Tfr”, inserendo nel campo “Testo Libero” la parola “Riscatti Tfs e Tfr” e selezionando il tasto “Filtra”.

Le Istanze già inoltrate sono accessibili alla voce di Menu “Consultazione domande inoltrate”; il Manuale è consultabile nella apposita Sezione “Manuali”.

L’accesso ai nuovi servizi è consentito all’utenza mediante l’uso del proprio Pin dispositivo, della “Carta nazionale dei servizi” (“Cns”) o del “Sistema pubblico identità digitale” (“Spid”).

Gli utenti inoltre potranno usufruire della intermediazione dei Patronati.


Related Articles

Notifica avviso di accertamento: decorre dalla consegna dell’atto al Comune

Nella Sentenza n. 2030 del 26 gennaio 2017 della Corte di Cassazione, veniva proposto ricorso contro la Sentenza che aveva

Ici/Imu: il trattamento impositivo degli immobili rurali

Nella Sentenza n. 12303 del 23 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudicidi legittimità chiariscono che, in tema di

Dissesto finanziario: applicazione della sanzione prevista dall’art. 248, comma 5, del Tuel

Nella Sentenza n. 67 del 15 aprile 2015, la Corte dei conti – Sezione giurisdizionale per la Regione Piemonte, si

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.