Iva: aliquota ordinaria per la cessione di prodotti parafarmaceutici destinati a cani e gatti

Iva: aliquota ordinaria per la cessione di prodotti parafarmaceutici destinati a cani e gatti

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Coordinamento normativo, con la Risoluzione n. 60/E del 7 agosto 2018, ha fornito chiarimenti in ordine all’aliquota Iva applicabile alla cessione di alimenti per cani e gatti, rispondendo ad una ditta di prodotti parafarmaceutici per la salute e il benessere degli animali d’affezione.

I suddetti prodotti integrano l’alimentazione per garantire una dieta completa a cani e gatti e sono classificati dalla normativa europea come “mangimi (o alimenti) dietetici complementari per cani e gatti”.

L’Agenzia non ha ritenuto ammissibile l’applicazione dell’aliquota Iva 10% ai sensi del n. 112) della Tabella A, Parte III, allegata al Dpr. n. 633/72, in quanto non classificabili come “integratori per mangimi”.

L’Agenzia ha ricordato che il trattamento Iva da riservare a un qualsiasi bene, ivi compresi i prodotti in questione, è strettamente collegato alla classificazione doganale degli stessi in uno dei Capitoli della Taric. Con l’istanza di documentazione integrativa è stato richiesto di fornire il parere tecnico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, parere che il contribuente non aveva originariamente allegato all’Interpello. Si tratta, come noto, di un parere finalizzato ad acclarare la composizione e la qualificazione merceologica dei beni ai fini doganali, quale documento che l’Agenzia delle Entrate ritiene opportuno acquisire, in via preliminare, al fine di facilitare l’individuazione e la verifica dei requisiti e delle condizioni richieste dalla Tabella “A” citata, per l’applicazione delle aliquote Iva ridotte, secondo le indicazioni contenute nella Circolare n. 32/E del 2010.

Con riferimento al caso in esame, come risulta dalla Nota allegata alla documentazione integrativa presentata, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha ritenuto di classificare entrambi i prodotti in questione come “alimenti per cani o gatti, condizionati per la vendita al minuto”, non riconducibili quindi alla norma agevolativa citata.


Related Articles

Applicabilità del divieto di rinnovo tacito dei contratti pubblici scaduti agli affidamenti delle Società “in house”

Tar Veneto – Sezione III – Sentenza 16 dicembre 2019 n. 1364 Il divieto di rinnovo tacito dei contratti pubblici

Trasferimenti erariali: attiva la procedura per chiedere i contributi per contenziosi connessi a Sentenze legate a calamità naturali

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 46 del 24 febbraio 2017 il Dm. Interno 14 febbraio 2017, con il quale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.