Iva su appalto di lavori: nei rapporti tra Società costituita a seguito di Ati e consociate vale il mandato senza rappresentanza

Iva su appalto di lavori: nei rapporti tra Società costituita a seguito di Ati e consociate vale il mandato senza rappresentanza

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 188/E del 12 giugno 2019, ha fornito chiarimenti in ordine all’applicabilità della disciplina Iva riferita al mandato senza rappresentanza, di cui all’art. 3, comma 3, del Dpr. n. 633/1972, nei rapporti tra una Società costituita a seguito di Ati composta da 3 Società (Consociate), aggiudicatarie di una gara per la rifunzionalizzazione e l’adeguamento delle sezioni di trattamento di un impianto di depurazione.

L’Agenzia ha proceduto in primo luogo a verificare se il rapporto giuridico cui imputare le operazioni rese e ricevute dalla Società verso le Consociate sia riconducibile ad un rapporto di mandato

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incentivi per funzioni tecniche: non spettano ai Commissari di gara

Nella Delibera n. 57 del 6 luglio 2018 della Corte dei conti Lazio, viene chiesto un parere sugli “incentivi per

Case di riposo: le donazioni effettuate in loro favore sono deducibili ai fini delle Imposte dirette?

Il quesito: “Qual è la disciplina in materia di deducibilità fiscale ai fini delle Imposte dirette delle erogazioni liberali destinate alle Case

“Servizio trasporto scolastico urbano” e “Servizio per l’infanzia”: soggetti a obbligo contribuzione utenza?

Nella Delibera n. 115 del 25 febbraio 2015 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco chiede di conoscere se: a)

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.