Iva: in caso di transazione “dichiarativa” con sopravvenuto accordo tra le parti lo storno tramite nota di credito può avvenire solo entro l’anno

Iva: in caso di transazione “dichiarativa” con sopravvenuto accordo tra le parti lo storno tramite nota di credito può avvenire solo entro l’anno

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 178 del 3 giugno 2019, ha fornito chiarimenti in merito alla corretta emissione di nota di credito a seguito di un accordo transattivo intercorso tra 2 soggetti.

L’Agenzia ha ricordato in primo luogo che, ai sensi dell’art. 1965 Cc., “la transazione è il contratto col quale le parti, facendosi reciproche concessioni, pongono fine a una lite già incominciata o prevengono una lite che può sorgere tra loro. Con le reciproche concessioni, si possono creare, modificare o estinguere anche rapporti diversi da quello che ha formato oggetto della pretesa e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: qual è l’aliquota da applicare ai lavori di dragaggio effettuati in un porto?

Il testo del quesito (sintesi): “Qual è il regime Iva da applicare alle operazioni di dragaggio da effettuarsi fuori dall’imboccatura

“Testo unico delle Società a partecipazione pubblica”: le principali novità introdotte dal “Decreto Correttivo”

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, lo scorso 9 giugno 2017, in esame definitivo, lo Schema di Decreto legislativo riguardante

Immobili da adibire a Caserma: i Comuni non possono accollarsene completamente il costo, neppure utilizzando un contratto di “rent to buy”

Nella Delibera n. 151 del 12 ottobre 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto un parere

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.