Iva: in materia di ristorazione “prestazione di servizi” o “cessione di beni” a seconda delle scelte del committente/acquirente

Iva: in materia di ristorazione “prestazione di servizi” o “cessione di beni” a seconda delle scelte del committente/acquirente

Sentenza della Corte di Giustizia europea – Prima Sezione – Causa C-703/19 del 22 aprile 2021

La domanda di Pronuncia pregiudiziale verte sull’interpretazione dell’art. 98, paragrafo 2, della Direttiva 2006/112/CE del Consiglio, 28 novembre 2006, come modificata dalla Direttiva 2009/47/CE del Consiglio, 5 maggio 2009, in combinato disposto con l’Allegato III, punto 12-bis, della Direttiva Iva e con l’art. 6 del Regolamento di esecuzione (UE) n. 282/2011 del Consiglio, 15 marzo 2011, recante disposizioni di applicazione della Direttiva 2006/112/CE.

La domanda è stata presentata nell’ambito di una controversia sorta in merito all’esito di un controllo fiscale effettuato in Polonia

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Pareggio di bilancio 2018”: attribuzione spazi finanziari per il “Patto di solidarietà nazionale verticale”

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento della Ragioneria dello Stato-Igepa, ha emanato il Decreto ministeriale 9 febbraio 2018, n.

Gare d’appalto: via libera della Corte Ue alla partecipazione degli Enti pubblici

Nella Sentenza n. 539 del 14 gennaio 2015 del Tar Lazio i Giudici, in base all’orientamento espresso dalla Corte di

Limite utilizzo avanzo di amministrazione: opera solo in caso di sistematico ricorso all’anticipazione di Tesoreria

Nella Delibera n. 196 del 13 novembre 2014 della Corte dei conti Molise, la richiesta di parere riguarda la corretta

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.