Iva: istituito il codice-tributo per le sanzioni da mancata comunicazione della chiusura di attività

E’ stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la Risoluzione n. 35/E del 3 aprile 2014, che istituisce i codici per consentire il versamento, tramite il Modello “F24”, allegato alla comunicazione di cessazione d’ufficio della partita Iva o i Modelli “F24 Versamenti con elementi identificativi” e “F24 Enti Pubblici”, della sanzione per omessa presentazione della Dichiarazione di cessazione di attività.

Ai sensi dell’art. 35 del Dpr. n. 633/72, l’Agenzia delle Entrate è tenuta a individuare – in base ai dati in possesso dell’Anagrafe tributaria – i contribuenti che hanno cessato l’attività senza comunicarlo tramite l’apposita Dichiarazione, e deve poi provvedere d’ufficio alla cancellazione della Partita Iva e ad elevare sanzione per l’omesso adempimento obbligatorio.

Il contribuente può opporre eventuali elementi non considerati o valutati erroneamente e fornire i chiarimenti necessari all’Agenzia delle Entrate entro i 30 giorni successivi al ricevimento della comunicazione. La somma dovuta a titolo di sanzione per l’omessa presentazione della dichiarazione di cessazione di attività è iscritta direttamente nei ruoli a titolo definitivo. Pagando la sanzione entro 30 giorni dal ricevimento, il contribuente può beneficiare della riduzione a un terzo del minimo.

Il nuovo codice “8120”, denominato “Sanzione per omessa presentazione della dichiarazione di cessazione attività a seguito della comunicazione di cui all’art. 35, c. 15-quinquies del Dpr. n. 633/1972”, va indicato nel Modello “F24” allegato alla comunicazione di cessazione d’ufficio della Partita Iva.

Nel caso di utilizzo del Modello “F24 Enti Pubblici”, questo deve essere compilato nel seguente modo:

–                il campo “sezione” è valorizzato con “Erario” (valore F);

–                il campo “codice atto” e il campo “riferimento B” sono valorizzati con il codice atto e l’anno cui si riferisce il versamento;

–                il campo “riferimento A” non va valorizzato.

La Risoluzione n. 35/E, infine, precisa che sono soppressi i codici-tributo “8007” e “8110, essendo cessati i presupposti normativi che ne legittimavano l’utilizzo.


Tags assigned to this article:
codice tributoIVA

Related Articles

“Covid-19”: come gestire in contabilità e fiscalmente una donazione di computer/tablet a studenti ?

Testo del quesito: “Nel periodo dell’emergenza sanitaria ‘Covid-19’ il Comune ha lanciato per il proprio territorio una campagna di donazione di

Sostituti d’imposta: istituiti i codici-tributo per la compensazione delle somme rimborsate ai percipienti e delle eccedenze di versamento

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Servizi ai contribuenti, con la Risoluzione n. 13/E del 10 febbraio 2015, ha istituito

Imposte e contributi: disposta la proroga al 20 luglio per Ires e Iva

Come precedentemente annunciato dal Mef con il Comunicato n. 147 del 22 giugno 2020, è stato emanato il Dpcm. 27

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.