Iva: l’emissione di note di credito entro il 30 aprile legittima l’emittente alla detrazione dell’Iva

Iva: l’emissione di note di credito entro il 30 aprile legittima l’emittente alla detrazione dell’Iva

L’Agenzia delle Entrate, con il Principio di diritto n. 5 del 14 febbraio 2020, ha chiarito che, al verificarsi di uno dei presupposti per l’emissione della nota di variazione in diminuzione ai fini Iva, previsti dall’art. 26, comma 2, del Dpr. n. 633/1972, per effetto del richiamo all’art. 19 del Dpr. n. 633/1972, contenuto nel citato art. 26, il diritto alla detrazione può essere esercitato, al più tardi, con la Dichiarazione Iva relativa all’anno in cui il predetto diritto è sorto ed alle condizioni esistenti al momento da cui si può esercitare il diritto medesimo.

La nota di variazione, emessa entro il suddetto termine, legittima l’emittente alla detrazione della relativa Iva, originariamente addebitata per rivalsa, ed obbliga il ricevente alla registrazione della stessa, ai sensi del comma 5 dello stesso art. 26.


Related Articles

Ente Locale: attribuzioni patrimoniali a terzi

Nella Delibera n. 362 del 20 dicembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Tarsu: legittimo prevedere tariffe più alte per gli alberghi rispetto alle abitazioni

  Nella Sentenza n. 12769 del 19 giugno 2015, la Corte di Cassazione si esprime in materia di Tarsu, ed

Iva: istituiti i codici-tributo per il recupero dei crediti indebitamente utilizzati in compensazione

È stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la Risoluzione n. 3/E del 13 gennaio 2016, che istituisce 3 codici-tributo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.