Iva: non è consentita l’emissione di nota di credito a seguito di addebito per rivalsa ex art. 60 del Dpr. n. 633/1972 rimasto infruttuoso

Iva: non è consentita l’emissione di nota di credito a seguito di addebito per rivalsa ex art. 60 del Dpr. n. 633/1972 rimasto infruttuoso

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 219 del 20 luglio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine all’art. 60, ultimo comma, del Dpr. n. 633/1972, circa il recupero dell’Iva addebitata a titolo di rivalsa.

In particolare, è stato chiesto se possano essere emesse le note di variazione in diminuzione ex art. 26, comma 2, del Dpr. n. 633/72, previste nell’ipotesi di procedura esecutiva rivelatasi infruttuosa e, possa conseguentemente esercitarsi il diritto a detrazione dell’Iva addebitata in rivalsa e non incassata.

L’Agenzia ha ricordato che il citato art. 60 prevede che “il contribuente ha diritto di rivalersi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Rapporto Fisco-contribuenti: i chiarimenti delle Entrate sul regime dell’adempimento collaborativo

Con la Circolare n. 38/E del 16 settembre 2016, l’Agenzia delle Entrate ha fornito una serie di chiarimenti sull’attuazione del

Finanza locale: per raggiungere gli obiettivi del “Pnrr” è necessario ripensarne le regole

Alessandro Canelli, delegato Anci alla Finanza locale, Presidente Ifel e Sindaco di Novara è intervenuto in audizione davanti la Commissione

Nadef 2022: secondo le stime del Governo, Pil in aumento rispetto al Def di aprile grazie ad una crescita superiore alle previsioni

Per il 2022 si prevede che il livello tendenziale del Pil aumenti del 3,3%, dal 3,1% contenuto nello scenario programmatico

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.