Iva: quale aliquota si applica alle spese per oneri della sicurezza nell’ambito dell’appalto del Servizio di “Mensa scolastica” ?

Iva: quale aliquota si applica alle spese per oneri della sicurezza nell’ambito dell’appalto del Servizio di “Mensa scolastica” ?

Il testo del quesito:

Ci sono pervenute fatture riguardanti solo oneri di sicurezza relativi al Servizio di ‘Refezione scolastica’ (voce prevista nel capitolato di tale servizio). E’ la prima volta che le vediamo.

Si possono considerare rilevanti Iva ? Se sì, quale aliquota applichiamo? Sono inerenti il servizio e quindi detraibili ?”.

La risposta dei ns. esperti:

Trattasi di spese rilevanti Iva, inerenti il Servizio “Refezione”.

Circa l’aliquota Iva da applicare, la spesa per oneri sulla sicurezza non riteniamo possa rientrare tra le spese da considerare, dal punto di vista fiscale, “accessorie” ai sensi dell’art. 12 del Dpr. n. 633/1972, sebbene tali servizi siano garantiti dal medesimo soggetto che erogherà la prestazione principale.

Ciò in quanto la prestazione legata alla sicurezza, seppur accessoria in senso lato, non forma un tutt’uno con la prestazione principale oggetto del contratto, altro requisito richiesto dalla citata norma (vedasi sull’argomento, tra le altre, la Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 230/E del 2002).

Riteniamo quindi prudenzialmente corretta l’applicazione, agli oneri per la sicurezza, dell’aliquota Iva 22% in luogo dell’aliquota ridotta del 4%, laddove quest’ultima sia prevista per la prestazione principale (come nel caso della refezione ad esempio).

L’Iva su tale spesa è ovviamente detraibile, in quanto comunque inerente il Servizio di “Refezione scolastica”, da cui il Comune percepisce dei corrispettivi rilevanti Iva.

di Francesco Vegni


Related Articles

Smart working: il trattamento fiscale dei rimborsi ai dipendenti dei costi di connessione a internet

È stato pubblicato sulla G.U. n. 120 del 21 maggio 2021 il Dm. Mef 7 maggio 2021, che ha disposto

Imu: soggettività passiva in caso di contratto di leasing

Nell’Ordinanza n. 1200 del 21 gennaio 2021 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda la individuazione del soggetto passivo

Licenziamento di un Dirigente pubblico: è illegittimo se i fatti contestati sono incerti e non circostanziati

Nella Sentenza n. 1478 del 27 gennaio 2015, la Suprema Corte si è pronunciata in materia di licenziamento di un

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.