Iva: sui Servizi educativi e socio-sanitari-assistenziali appaltati a Cooperative non sociali ma Onlus qual è il regime dal 1° gennaio 2014?

Iva: sui Servizi educativi e socio-sanitari-assistenziali appaltati a Cooperative non sociali ma Onlus qual è il regime dal 1° gennaio 2014?

Il testo del quesito:

Dopo la ‘Legge di stabilità 2014’ (Legge n. 147/13), che è reintervenuta sul regime fiscale da applicare all’appalto di servizi educativi e socio-sanitari-assistenziali affidati dal Comune a terzi, soltanto le cooperative sociali, in quanto onlus di diritto, possono optare fra l’Iva ad aliquota 4% ed il regime di esenzione ex art. 10 per le prestazioni di cui ai nn. 18), 19), 20), 21) e 27-ter) dell’art. 10 del Dpr. n. 633/72 ?

E le altre onlus che non sono cooperative sociali? Applicano l’Iva al 22% anche se sono onlus? Ad esempio, le coop non sociali ma Onlus, che aliquota applicano?

La risposta dei ns. esperti.

L’art. 1, comma 172, della Legge n. 147/13 (“Legge di stabilità 2014”) ha sostituito per intero la previsione dei commi 488 e 489 dell’art. 1 della Legge n. 228/12 (“Legge di stabilità 2013”), prevedendo che il n. 41-bis) della Tabella A, Parte II, allegata al Dpr. n. 633/72 – che in pratica “rivive” sui testi, essendo invece stato oggetto di proroga dalla normativa precedente – non si applica alle Società cooperative e loro Consorzi diversi da quelli di cui alla Legge n. 381/91 (Cooperative sociali e loro Consorzi).

Tutto ciò in vista della riforma dei regimi Iva speciali dell’Unione europea previsti dalla Direttiva 112/2006/CE del Consiglio del 28 novembre 2006.

In sostanza, la suddetta norma (aliquota Iva 4% sulle prestazioni ivi indicate) si applica alle sole Cooperative sociali e loro Consorzi che, in quanto Onlus di diritto, possono adottare facoltativamente, ai sensi dell’art. 10, comma 8, del Dlgs. n. 460/97, il regime di esenzione Iva previsto per le prestazioni indicate ai nn. 18), 19), 20), 21), 27-ter), dell’art. 10 del Dpr. n. 633/72 – in virtù anche di quanto disposto dall’art. 1, comma 331, della Legge n. 296/06 (“Finanziaria 2007”) – e ciò sia nei rapporti convenzionali con i Comuni sia direttamente nei confronti dell’utenza.

La differenza rispetto alla normativa antecedente anche alla “Legge di stabilità 2013” è che alle Cooperative non sociali e loro Consorzi, per le prestazioni di servizio sopra indicate svolte in virtù di convenzioni o contratti di appalto stipulati con Enti Locali, si applica il regime di imponibilità Iva 22% e non più l’aliquota ridotta del 4%, a meno che però non si tratti di Onlus (disciplinate dal Dlgs. n. 460/97).

Viene di fatto quindi annullata la nuova previsione di aliquota Iva 10% prevista dal (adesso abrogato) nuovo n. 127-undevicies) della Tabella A, parte III, allegata al Dpr. n. 633/72.

Le Onlus non possono optare tra regime di esenzione Iva ex art. 10 Dpr. n. 633/72 ed aliquota 4% perché non sono citate espressamente – come invece avviene in altre parti del Decreto Iva – nel n. 41-bis) della Tabella A, parte II, allegata a tale Decreto (dove si fa riferimento esclusivamente a Cooperative e loro Consorzi), ma applicano soggettivamente il regime di esenzione Iva ai sensi dei nn. 19), 20), 21) (in quest’ultima fattispecie di servizi, ricomprendente tra le altre anche le “prestazioni proprie degli asili”,si ha peraltro una esenzione oggettiva) e 27-ter) dell’art. 10 del medesimo Decreto, dove vengono citate.

L’aliquota Iva 22% deve invece essere applicata obbligatoriamente dalle Cooperative non sociali non Onlus e loro Consorzi e dalle Società, a meno che non siano soggetti rientranti in regimi di esenzione soggettiva previsti dai nn. 19), 20), 21 e 27-ter) (ad es., al n. 20), risultano esenti le prestazioni educative fornite da scuole riconosciute dalla P.A.).

Ad oggi dunque la situazione è la seguente:

  • le cooperative non sociali ma Onlus applicano ancora il regime di esenzione ex art. 10, Dpr. n. 633/72, perché sebbene siano Cooperative non sociali (e quindi non rientrino più nel n. 41-bis della Tabella A, parte II, allegata al citato Decreto), il fatto di essere Onlus le fa comunque rientrare nei regimi di esenzione di cui all’art. 10;
  • le Cooperative non sociali e non Onluse le Società od Organismi similari applicano sulle citate prestazioni, tranne eccezioni specifiche da verificare caso per caso, l’Iva ad aliquota 22%.

di Francesco Vegni


Tags assigned to this article:
cooperativeIVAonlus

Related Articles

“Split payment”: alcuni chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate in occasione dei consueti videoforum di inizio anno

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Normativa, con la Circolare n. 6/E del 19 febbraio 2015, avente ad oggetto “Chiarimenti

Amministratori locali: presupposti necessari ai fini del diritto al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico dell’Ente

Nella Delibera n. 31 del 26 febbraio 2020 della Corte dei conti Abruzzo, un Comune con popolazione inferiore a 1.000

Durc e verifica ex art. 48-bis del Dpr. n. 602/73: sono necessari in caso di fattura in favore di una Ditta entrata in concordato?

Il quesito: “Il Comune deve liquidare una fattura a chiusura in favore di una Ditta che, nel frattempo, è entrata

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.