Iva sulle concessioni cimiteriali: per la Corte di Cassazione trattasi di operazioni non rilevanti, ma restano diversi dubbi

Iva sulle concessioni cimiteriali: per la Corte di Cassazione trattasi di operazioni non rilevanti, ma restano diversi dubbi

Corte di Cassazione – Sentenza n. 3418 del 20 febbraio 2015

 

Le concessioni cimiteriali non rappresentano attività rilevanti Iva in quanto il Comune agisce nell’ambito dei propri poteri autoritativi. E’ quanto sancito dalla Corte di cassazione della Sentenza n. 3418 del 20 febbraio 2015.

La Sentenza

Con avviso di rettifica relativo ad Iva per l’anno 1988, l’Agenzia delle Entrate richiedeva ad un importante Capoluogo di Provincia campano Lire 2.510.166.000 a titolo di Iva indebitamente detratta con riguardo a spese sostenute dal Comune che, ad avviso dell’Ufficio, non rivestivano natura di attività commerciale, tra cui i servizi cimiteriali gestiti direttamente

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti erariali: disposto il pagamento del 70% degli oneri di stabilizzazione del personale ex Eti per l’anno 2020

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con il Comunicato n. 2 dell’11 maggio 2020, ha reso

Condanna di un Funzionario per aver affidato senza gara il “Servizio di gestione degli accertamenti Ici e realizzazione della banca-dati”

Corte dei conti – Sezione seconda Giurisdizionale Centrale d’Appello – Sentenza n. 83 del 14 marzo 2019 Oggetto: Condanna del

Compensi Amministratori Società partecipate: riduzione 80% si applica anche in assenza di esborsi nel 2013

Nella Delibera n. 1 dell’8 gennaio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di parere