La Corte di giustizia europea si esprime sulla facoltà di disapplicare una norma di diritto nazionale contraria al diritto dell’Unione

La Corte di giustizia europea si esprime sulla facoltà di disapplicare una norma di diritto nazionale contraria al diritto dell’Unione
Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 4/12/2018 n. C-378/17

 

Sulla questione se un organismo nazionale istituito per legge al fine di garantire l’applicazione del diritto dell’Ue in un particolare settore debba avere la facoltà di disapplicare una norma di diritto nazionale contraria al diritto dell’Unione.

Il diritto dell’Unione, e, in particolare, il principio del primato dello stesso, dev’essere interpretato nel senso che esso osta ad una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, secondo la quale un organismo nazionale, istituito per legge al fine di garantire l’applicazione del diritto dell’Unione in un particolare settore, non è competente a decidere di disapplicare una norma di diritto nazionale contraria al diritto dell’Unione.

 

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione)

4 dicembre 2018(*)

«Rinvio pregiudiziale – Parità di trattamento in materia di occupazione – Direttiva 2000/78/CE – Divieto di discriminazione fondata sull’età – Assunzione degli agenti di polizia – Organismo nazionale istituito per legge al fine di garantire l’applicazione del diritto dell’Unione in un particolare settore – Facoltà di disapplicare la legislazione nazionale non conforme al diritto dell’Unione – Primato del diritto dell’Unione»

Nella causa C-378/17,

avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell’articolo 267 TFUE, dalla Supreme Court (Corte Suprema, Irlanda), con decisione del 16 giugno 2017, pervenuta in cancelleria il 22 giugno 2017, nel procedimento

Minister for Justice and Equality,

Commissioner of An Garda Síochána

 

contro

Workplace Relations Commission,

con l’intervento di:

Ronald Boyle e altri,

 

LA CORTE (Grande Sezione),

composta da K. Lenaerts, presidente, R. Silva de Lapuerta (relatore), vicepresidente, J.-C. Bonichot, A. Arabadjiev, T. von Danwitz, C. Toader e F. Biltgen, presidenti di sezione, E. Levits, L. Bay Larsen, M. Safjan, C.G. Fernlund, C. Vajda e S. Rodin, giudici….

 

Continua a leggere su Diritto dei servizi pubblici locali

Questo contenuto è stato selezionato per i nostri lettori dallo Studio legale Tessarolo, editore di Diritto dei servizi pubblici e partner di Centro Studi Enti Locali.

 

Diritto dei servizi pubblici è una rivista giuridica telematica che, dal 2001, raccoglie informazioni, articoli, leggi, sentenze ed altri provvedimenti su numerosi argomenti di diritto, con particolare riferimento al diritto dei servizi pubblici locali, a cura dello Studio Legale Tessarolo.

 


Related Articles

La cessazione ex “Tusp” delle Società pubbliche soggette a processi di razionalizzazione e revisione da parte dei Comuni è senza agevolazioni fiscali

Lo scioglimento di Società pubbliche disposto ai sensi dell’art. 20 del Dlgs. n. 175/16 (“Testo unico delle Società a partecipazione

Rilevazione partecipazioni P.A. e loro rappresentanti presso Organi di governo di Società ed Enti: i compiti dei Revisori degli Enti territoriali

In tema di informazioni relative agli Organismi partecipati, (anche) le Amministrazioni pubbliche locali – ai sensi e per gli effetti

Iva: qual è l’aliquota da applicare per la ristrutturazione della Caserma dei Carabinieri?

Il quesito: “Si richiede l’aliquota Iva da applicare per il progetto relativo alla ristrutturazione, o nuova costruzione, dell’edificio ‘Caserma dei

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.