La “famiglia di fatto” secondo le Sezioni unite della Cassazione

La “famiglia di fatto” secondo le Sezioni unite della Cassazione

 

Ancora una volta il Giudice, in assenza di una previsione normativa, è chiamato a pronunciarsi sulle c.d. “famiglie di fatto”. Secondo la Suprema Corte (SS.UU – Sentenza 3 aprile 2015, n. 6855) con l’espressione “famiglia di fatto” non si intende solo la convivenza al pari di quella tra coniugi ma anche la famiglia nel senso più pieno del termine e quindi con riferimento ai valori di una famiglia tradizionale, quale la solidarietà, l’educazione e l’istruzione dei figli. Infatti, secondo il Giudice, l’art. 2 della Costituzione) è la “norma garante” per la famiglia di fatto “quale formazione sociale ove si svolge la personalità dell’individuo”.

Qualora questa convivenza assuma i caratteri di una convivenza stabile e duratura e qualora i conviventi decidano di organizzare la loro vita comune educando ed istruendo i figli al pari dei figli di una famiglia fondata sul matrimonio, secondo la Cassazione, siamo di fronte ad una famiglia di fatto e non ad una semplice convivenza.

Il Giudice dimostra tuttavia, con la sua Pronuncia esaminando il caso di specie, di essere consapevole che una famiglia di fatto deve essere caratterizzata da una piena assunzione del rischio e che il rapporto all’interno di una famiglia di fatto può, in un qualsiasi momento, cessare, fermi restando gli obblighi nei confronti dei figli.

 di Stefano Paoli


Related Articles

Cartelle esattoriali: in assenza del destinatario, l’Agente notificatore deve dar conto delle ricerche vane del destinatario

Nella Sentenza n. 3188/11/14 della Ctp di Bari, i Giudici rilevano che in caso di temporanea irreperibilità del contribuente la

Consultazioni europee e amministrative 2019: i chiarimenti del Viminale su tempi e modalità di invio delle rendicontazioni delle spese

Il termine per produrre la rendicontazione delle spese sostenute dai Comuni per le Elezioni scade 4 mesi dopo il giorno

Commissioni di gara: nelle more dell’istituzione dell’Albo è possibile nominare i componenti interni

Nella Delibera n. 898 del 17 ottobre 2018 dell’Anac, viene chiesto un parere riguardante l’illegittimità della nomina dei membri di