La Figc è un organismo di diritto pubblico e, pertanto, è tenuta ad applicare le norme di aggiudicazione degli appalti pubblici

La Figc è un organismo di diritto pubblico e, pertanto, è tenuta ad applicare le norme di aggiudicazione degli appalti pubblici
Avvocato Generale M.Campos Sanchez – Bordona, 1/10/2020 n. C-155/19 e C-156/19

La FIGC essendo stata istituita per soddisfare specificamente esigenze di interesse generale è un organismo di diritto pubblico e, pertanto, è tenuta ad applicare le norme di aggiudicazione degli appalti pubblici

Ai sensi dell’articolo 2, paragrafo 1, punto 4, lettera a), della direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE, una federazione sportiva nazionale può essere qualificata come organismo di diritto pubblico se, oltre ad essere dotata di personalità giuridica, è stata istituita per soddisfare specificamente esigenze di interesse generale aventi carattere non industriale o commerciale e la sua gestione è soggetta alla vigilanza di un altro organismo di diritto pubblico, quale un comitato olimpico nazionale cui la legislazione di uno Stato membro attribuisca tale qualità.

Il giudice nazionale può concludere che le federazioni sportive nazionali soddisfano esigenze di interesse generale aventi carattere non industriale o commerciale se le funzioni pubbliche che l’ordinamento giuridico attribuisce loro in regime di monopolio, e che costituiscono la ragion d’essere di tali enti, privi di fini di lucro, formano il nucleo fondamentale della loro azione, di modo che le altre attività presentano un carattere meramente strumentale rispetto ad essa. A tale riguardo è irrilevante che la federazione sportiva nazionale sia finanziariamente autosufficiente oppure dipenda da contributi pubblici.

Al fine di valutare se una pubblica amministrazione, quale il comitato olimpico nazionale oggetto della controversia principale, eserciti la vigilanza sulle federazioni sportive nazionali, il giudice deve procedere alla valutazione del complesso dei poteri che detto comitato detiene sulla loro gestione. Possono essere considerati indizi il cui concorso dimostrerebbe, in linea di principio, i suoi poteri di controllo, che il comitato olimpico nazionale:

  • accordi il riconoscimento, ai fini sportivi, alle federazioni sportive nazionali previa approvazione dei loro statuti e, se del caso, possa revocarlo;
  • possa rivolgere indirizzi e adottare decisioni sulle attività a valenza pubblicistica delle federazioni sportive nazionali;
  • possa imporre alle federazioni sportive nazionali il rispetto delle disposizioni generali nonché degli indirizzi e delle delibere del comitato olimpico nazionale, disponendo il commissariamento di dette federazioni in caso di gravi irregolarità nella gestione o di gravi violazioni dell’ordinamento sportivo;
  • vigili in modo permanente sul funzionamento delle federazioni sportive nazionali;
  • approvi il bilancio di previsione, i programmi di attività e il bilancio consuntivo delle federazioni sportive nazionali, potendo nominare revisori contabili che lo rappresentino (se del caso, con maggioranza dirimente nel collegio dei revisori) in seno ai loro organi.

La partecipazione qualificata o maggioritaria dei rappresentanti delle federazioni sportive nazionali negli organi del comitato olimpico nazionale non osta a che tali federazioni siano considerate organismi di diritto pubblico soggetti alla vigilanza di detto comitato.

Continua a leggere su Diritto dei servizi pubblici locali

Questo contenuto è stato selezionato per i nostri lettori dallo Studio legale Tessarolo, editore di Diritto dei servizi pubblici e partner di Centro Studi Enti Locali.

Diritto dei servizi pubblici è una rivista giuridica telematica che, dal 2001, raccoglie informazioni, articoli, leggi, sentenze ed altri provvedimenti su numerosi argomenti di diritto, con particolare riferimento al diritto dei servizi pubblici locali, a cura dello Studio Legale Tessarolo.


Related Articles

Consiglio di Stato: illegittima rimozione del Sindaco

Nella Sentenza n. 5841 del 12 novembre 2014 del Consiglio di Stato, un soggetto agisce per ottenere il risarcimento del

Nuovo Comune istituito per scorporo: limiti alle assunzioni

Nella Delibera n. 75 del 26 giugno 2018 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco di un Comune di nuova

Contratti pubblici: diffuso il primo Rapporto quadrimestrale 2017

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha diffuso il 12 settembre 2017 il primo Rapporto quadrimestrale 2017 relativo alle procedure di affidamento perfezionate

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.