La giornata parlamentare – 13 marzo

La giornata parlamentare – 13 marzo

Sale la tensione tra M5S e Lega in vista del voto su Salvini e Toninelli

La tensione all’interno della maggioranza si fa sempre più alta in vista del voto della settimana prossima in Senato su Matteo Salvini per quanto riguarda la Diciotti e della mozione di sfiducia al Ministro dei trasporti Danilo Toninelli. È da questi due passaggi parlamentari che si capirà il livello di compattezza della maggioranza. “Io non ho paura del voto”, ha dichiarato più volte il vicepremier leghista, piuttosto nel partito di via Bellerio si sottolinea la delicatezza della situazione del ministro dei Trasporti. Non tutti nel M5S sarebbero d’accordo nel sostegno al Ministro, ma i vertici pentastellati ribadiscono che non c’è alcun caso. A complicare ci saranno poi le regionali in Basilicata: i pentastellati alle elezioni politiche dell’anno scorso avevano ottenuto un grandissimo risultato e al momento sembra improbabile che lo ripetano: bisognerà quindi vedere come andranno e quale sarà l’effetto sulla maggioranza di Governo.

Sconto nella maggioranza per il Congresso delle Famiglie

All’interno del Governo è di nuovo scontro: questa volta l’oggetto della discordia è il XIII Congresso Mondiale delle Famiglie, evento in programma a Verona dal 29 al 31 marzo organizzato da associazioni ultraconservatrici come Provita. Il nodo riguardava l’utilizzo del logo della Presidenza del Consiglio dei ministri: fonti del Governo hanno assicurato che sarà revocato, mentre fonti del Ministero della famiglia hanno replicato che non risulta nessuna richiesta in merito. Già nei giorni scorsi Palazzo Chigi aveva preso le distanze dalla manifestazione scrivendo in una nota che si trattava di un’iniziativa autonoma del Ministro per la famiglia Lorenzo Fontana. È quindi evidente che è in corso nel Governo un braccio di ferro tra i pentastellati e i Leghisti,visto che il Ministro della famiglia non sarebbe l’unico ad aver appoggiato l’iniziativa:’ sulla pagina web del Congresso viene citato il supporto del vice premier Matteo Salvini, del Governatore della Regione Veneto Luca Zaia e del sindaco di Verona Federico Sboarina.

Nessuna alleanza tra Pd e +Europa in vista delle europee

Il tentativo di Nicola Zingaretti di allargare il perimetro delle alleanze del Pd in vista delle elezioni Europee s’infrange sull’intenzione di +Europa di andare da sola alla sfida di fine maggio. È fumata nera dall’incontro del neo segretario dem a Roma con l’omologo radicale Benedetto Della Vedova: i due partiti si presenteranno con due liste distinte, annunciano i leader al termine del meeting, pur esaltando le convergenze. “Un grave errore di +Europa”, commenta Carlo Calenda, promotore del manifesto Siamo Europei sottoscritto da entrambe le forze politiche. Zingaretti riferirà all’Assemblea nazionale Pd di domenica che ratificherà la sua elezione alle primarie; fonti vicine al leader Pd sottolineano che “+Europa vuole andare da sola alle Europee per accontentare l’elettorato liberaldemocratico che si riconosce nell’Alde. Ne abbiamo preso atto”.

L’Aula del Senato 

Nell’arco di questa settimana l’aula del Senato non si riunirà così da permettere alla Commissioni di lavorare a pieno regime. La seduta è convocata per martedì 19 marzo quando il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte svolgerà le Comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 21 e 22 marzo 2019 e soprattutto quando l’aula di palazzo Madama dovrà pronunciarsi sulla relazione della Giunta delle elezioni e delle Immunità parlamentari relativa alla domanda di autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti di Matteo Salvini sul caso Diciotti.

Le Commissioni del Senato

Per quanto riguarda le Commissioni, la Affari Costituzionali svolgerà diverse audizioni nell’ambito dell’esame del disegno di legge costituzionale relativo alle disposizioni in materia d’iniziativa legislativa popolare e di referendum, e proseguirà il confronto sul ddl per la prevenzione dei maltrattamenti a danno di minori, anziani e disabili nelle strutture pubbliche e private. La Giustizia esaminerà il disegno di legge, approvato la settimana scorsa dalla Camera e fortemente voluto dalla Lega, sulla legittima difesa e, in sede riunita con l’Industria, proseguirà il dibattito sulla class action.

La Finanze proseguirà il ciclo di audizioni nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul processo di semplificazione del sistema tributario e del rapporto tra contribuenti e fisco. Alle 14 l’Istruzione, in sede congiunta con la Cultura della Camera, ascolterà il Presidente della Società autori ed editori (SIAE) Giulio Rapetti Mogol. La Commissione Lavori Pubblici proseguirà il ciclo di audizioni nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’applicazione del codice dei contratti pubblici e ascolterà diversi soggetti sul ddl di delega al Governo per il riordino delle disposizioni legislative in materia di trasporto aereo.

La Agricoltura si confronterà sul ddl per l’istituzione della commissione d’inchiesta sulla Xylella fastidiosa nei territori della Puglia e, in sede riunita con la Territorio, proseguirà il ciclo di audizioni sui disegni di legge sul consumo del suolo. La Commissione Industria ascolterà i rappresentanti di ARERA sull’affare assegnato relativo all’autoconsumo. La Lavoro svolgerà diverse audizioni sul ddl relativo al salario minimo orario; riprenderà il confronto sui ddl relativi al caregiver familiare e sugli Atti europei relativi alle misure di emergenza nel settore di coordinamento della sicurezza sociale in seguito al recesso del Regno Unito dall’UE e alle risorse destinate alla dotazione specifica per l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile.

La Salute si confronterà sul disegno di legge relativo alle disposizioni del corpo e dei tessuti post mortem, sul ddl relativo alla fibromialgia e su quelli per la prevenzione dei disturbi alimentari. Esaminerà poi il ddl per la prevenzione vaccinale e svolgerà alcune audizioni sul disegno di legge per il riassetto e riforma della normativa in materia di sperimentazione clinica dei medicinali ad uso umano. Infine la Commissione Politiche dell’Unione Europea proseguirà l’esame e svolgerà alcune audizioni sulla legge di delegazione europea.

L’Aula della Camera 

L’Assemblea della Camera tornerà a riunirsi alle 11.00 per l’esame della proposta di legge per l’accesso aperto all’informazione scientifica. Come di consueto domani alle 15 svolgerà le interrogazioni a risposta immediata. Nella seduta di ieri è stata approvata Legge europea 2018, la legge per l’istituzione e disciplina della Rete nazionale dei registri dei tumori, la pdl per il distacco dei comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio dalla regione Marche e loro aggregazione alla regione Emilia-Romagna,e le mozioni per lo sviluppo della formazione tecnologica e digitale in ambito scolastico.

Le Commissioni della Camera

La Commissione Affari costituzionali si confronterà sulla proposta d’istituzione di una Commissione d’inchiesta sullo stato della sicurezza e sul degrado delle città, su quella per assicurare l’applicabilità delle leggi elettorali indipendentemente dal numero dei parlamentari e sulla proposta di legge costituzionale relativa alla riduzione del numero dei parlamentari. La Giustizia svolgerà diverse audizioni sulla pdl per l’assegno spettante dopo lo scioglimento del matrimonio. La Bilancio esaminerà la relazione sugli indicatori di benessere equo e sostenibile 2019 e alle 14 ascolterà il presidente dell’UPB Giuseppe Pisauro sui risultati della programmazione finanziaria e gli accordi tra Ministeri.

La Finanze si confronterà sulla risoluzione sulla disciplina relativa ai termini di prescrizione per la presentazione di ricorsi all’Arbitro bancario finanziario (ABF). La Cultura esaminerà la pdl per la promozione e il sostegno della lettura, la risoluzione sul potenziamento dell’azione di valutazione del sistema INVALSI e le proposte di legge sull’accesso ai corsi universitari. La Commissione Ambiente alle 14.15 ascolterà il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Vito Crimi sui processi di ricostruzione relativi ai territori dei Comuni interessati dagli eventi sismici verificatisi nelle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria; con la Bilancio ascolterà i rappresentanti di Terna sulla proposta di legge quadro per lo sviluppo delle isole minori marine, lagunari e lacustri.

La Trasporti, con la Politiche dell’UE, svolgerà diverse audizioni sullo schema di decreto legislativo per l’attuazione della direttiva relativa all’interoperabilità del sistema ferroviario dell’UE e sullo schema di decreto legislativo per l’attuazione della direttiva sulla sicurezza delle ferrovie. La Commissione Lavoro, con la Affari sociali, proseguirà l’esame degli emendamenti al decreto, già approvato dal Senato, su reddito di cittadinanza e quota 100. L’Agricoltura esaminerà la pdl per l’etichettatura, la tracciabilità e il divieto della vendita sottocosto dei prodotti agricoli e agroalimentari.

 

 

Nomos

La settimana parlamentare” è una rubrica a cura di Nomos Centro Studi Parlamentari, partner commerciale dell’Editore di questo Portale di informazione specializzata, Centro Studi Enti Locali spa.
Grazie alla sinergia avviata tra queste due realtà imprenditoriali, ai Lettori di Entilocali-online.it viene offerta la possibilità di consultare, in maniera del tutto gratuita, gli aggiornamenti relativi ai temi e ai provvedimenti al centro dell’attenzione dei due rami del Parlamento.
La scelta di avviare questo nuovo Progetto – ampliando la vasta gamma di servizi e contenuti accessibili attraverso questo Portale – si pone in continuità con il costante sforzo profuso da Centro Studi Enti Locali per garantire un’informazione sempre più efficace, tempestiva e completa ai propri Abbonati


Related Articles

La settimana parlamentare 17-21 luglio

Questa settimana al Senato L’Assemblea del Senato tornerà a riunirsi domani a partire dalle 11 per la discussione delle mozioni sulla

La giornata parlamentare – 14 febbraio

L’UE chiede chiarimenti, ma difficile una decisione prima delle europee L’Unione Europea, per bocca della commissaria ai Trasporti Violeta Bulc, ha chiesto

La giornata parlamentare – 30 maggio

L’Assemblea del Senato tornerà a riunirsi a partire dalle 16.30 per le comunicazioni del Presidente sul calendario dei lavori deciso

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.