La legittimazione processuale non spetta al Concessionario alla riscossione, bensì all’Ente creditore, che deve essere chiamato in causa

Nella Sentenza n. 1534/21/2015 della Ctr Caltanisetta, i Giudici affermano che, in materia di impugnazione della cartella esattoriale, la tardività della notificazione della cartella non costituisce vizio proprio di questa tale da legittimare in via esclusiva il Concessionario a contraddire nel relativo giudizio. Dunque, la legittimazione passiva spetta all’Ente titolare del credito tributario e non già al Concessionario, al quale, se è fatto destinatario dell’impugnazione, incombe l’onere di chiamare in giudizio l’Ente predetto, se non vuole rispondere all’esito della lite, non essendo il Giudice tenuto a disporre d’ufficio l’integrazione del contraddittorio, in quanto non è configurabile nella specie un litisconsorzio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tarsu: le tariffe sono illegittime se non corrispondono alle categorie omogenee

Nella Sentenza n. 2199 del 25 giugno 2015 della Ctp Lecce, un Comune ha violato le disposizioni di cui all’art.

Enti non profit: la responsabilità di chi agisce per loro conto non è collegata alla mera titolarità della rappresentanza

Nella Sentenza n. 12473 del 17 giugno 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che la responsabilità

Emergenza da “Covid-19”: il premio di 100 Euro per lavoratori dipendenti spetta anche per chi ha prestato attività di Protezione civile

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 302 del 2 settembre 2020, ha fornito chiarimenti circa l’accesso