La rappresentanza processuale del Comune e la giurisdizione sui canoni per pubblicità

La rappresentanza processuale del Comune e la giurisdizione sui canoni per pubblicità

Nella Sentenza n. 30362 del 23 novembre 2018, la Corte di Cassazione statuisce che lo Statuto del Comune può legittimamente affidare la rappresentanza a stare in giudizio ai Dirigenti, ovvero ad esponenti apicali della struttura burocratico-amministrativa del Comune, nell’ambito dei rispettivi Settori di competenza, fermo restando che, ove una specifica previsione statutaria non sussista, il Sindaco conserva l’esclusiva titolarità del potere di rappresentanza processuale del Comune. In tema di contenzioso tributario, comunque, l’Ente Locale nei cui confronti è proposto il ricorso può stare in giudizio dinanzi alle Commissioni Tributarie, anche in grado di appello, mediante il Dirigente dell’Ufficio “Tributi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Il Governo modifica il “Decreto Brunetta”: come cambia la valutazione dei lavoratori pubblici con la “Riforma Madia”

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 19 maggio 2017, ha approvato definitivamente le modifiche alla c.d. “Legge Brunetta” [Dlgs.

Trasferimenti erariali: le nuove Istruzioni relative alla rendicontazione del “5 per mille” destinato ai Comuni

Con la Circolare n. 10 del 12 marzo 2018, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha fornito

Scorrimento della graduatoria e diritto degli idonei all’assunzione

Nella Sentenza n. 26104 del 2 novembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.