La responsabilità penale è anche negli atti interni degli Uffici pubblici

La responsabilità penale è anche negli atti interni degli Uffici pubblici

Nella Sentenza n. 36213 del 7 aprile 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che, al fine di qualificare come certificato amministrativo un atto proveniente da un pubblico ufficiale, devono concorrere 2 condizioni:

  • che l’atto non attesti i risultati di un accertamento compiuto dal pubblico ufficiale redigente, ma riproduca attestazioni già documentate;
  • che l’atto, pur quando riproduca informazioni desunte da altri atti già documentati, non abbia una propria distinta e autonoma efficacia giuridica, ma si limiti a riprodurre anche gli effetti dell’atto preesistente.

Pertanto, afferma la Suprema Corte, correttamente risultano qualificate come atti pubblici anche le richieste

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Istat: in G.U. l’Elenco delle Amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 229 del 30 settembre 2016 l’Elenco annuale Istat relativo alle Amministrazioni pubbliche inserite nel

Edilizia scolastica: firmato il Decreto per la ripartizione delle risorse destinate ad interventi di adeguamento antisismico

Con Nota 4 gennaio 2016, il Governo ha annunciato che il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha

Divieto conferimento incarichi nelle P.A. a soggetti in quiescenza: il Tar Sardegna rimette la questione alla Corte di Giustizia Ue

Nella Sentenza n. 881 del 19 ottobre 2018 del Tar Sardegna, i Giudici rimettono alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea