La responsabilità penale è anche negli atti interni degli Uffici pubblici

La responsabilità penale è anche negli atti interni degli Uffici pubblici

Nella Sentenza n. 36213 del 7 aprile 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che, al fine di qualificare come certificato amministrativo un atto proveniente da un pubblico ufficiale, devono concorrere 2 condizioni:

  • che l’atto non attesti i risultati di un accertamento compiuto dal pubblico ufficiale redigente, ma riproduca attestazioni già documentate;
  • che l’atto, pur quando riproduca informazioni desunte da altri atti già documentati, non abbia una propria distinta e autonoma efficacia giuridica, ma si limiti a riprodurre anche gli effetti dell’atto preesistente.

Pertanto, afferma la Suprema Corte, correttamente risultano qualificate come atti pubblici anche le richieste

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti Enti Locali: individuati gli Enti beneficiari del contributo 2020 per la messa in sicurezza degli edifici e del territorio

Con Decreto datato 23 febbraio 2021, il Ministero dell’Interno, di concerto con il Mef, ha individuato i Comuni cui spetta

Società pubbliche: il Giudice amministrativo chiarisce che occorre un patto scritto per determinare se sussiste il controllo pubblico previsto dal Tusp

Il Tar Emilia-Romagna (n. 858 del 10 dicembre 2020) sostiene che per determinare se una Società è a controllo pubblico

Polizia municipale: nessuna deroga ai limiti di spesa per lavoro flessibile in caso di assunzioni finanziate con i proventi delle multe

Nella Delibera n. 131 del 21 giugno 2016 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede alla Sezione un parere