La responsabilità penale è anche negli atti interni degli Uffici pubblici

La responsabilità penale è anche negli atti interni degli Uffici pubblici

Nella Sentenza n. 36213 del 7 aprile 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che, al fine di qualificare come certificato amministrativo un atto proveniente da un pubblico ufficiale, devono concorrere 2 condizioni:

  • che l’atto non attesti i risultati di un accertamento compiuto dal pubblico ufficiale redigente, ma riproduca attestazioni già documentate;
  • che l’atto, pur quando riproduca informazioni desunte da altri atti già documentati, non abbia una propria distinta e autonoma efficacia giuridica, ma si limiti a riprodurre anche gli effetti dell’atto preesistente.

Pertanto, afferma la Suprema Corte, correttamente risultano qualificate come atti pubblici anche le richieste

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Responsabilità amministrativa: condanna del Dirigente per non aver richiesto l’estensione della garanzia fideiussoria su un contratto di locazione prorogato

Corte dei conti – Sezione seconda giurisdizionale centrale d’Appello, Sentenza n. 7 del 23 gennaio 2019 Oggetto Condanna del Direttore

Fatturazione differita: nuovo chiarimento da parte dell’Agenzia delle Entrate sulla data da indicare sul documento

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 437 del 28 ottobre 2019, ha fornito chiarimenti in ordine

“Decreto fiscale”: Anci chiede che la scelta di “rottamare” o meno le cartelle sia affidata ai Comuni

Bene la “rottamazione dei ruoli”, con l’abolizione delle sanzioni estesa anche alle entrate locali ma la scelta dovrebbe rimanere appannaggio