La revoca delle posizioni dirigenziali e organizzative: stessi principi

La revoca delle posizioni dirigenziali e organizzative: stessi principi

La revoca degli incarichi di posizioni organizzative nell’ambito degli Enti Locali può essere disposta sulla base degli specifici presupposti indicati dall’art. 9, comma 3, del Ccnl. 31 marzo 1999 ed è illegittima se comunicata in considerazione del mero mutamento dell’Organo investito del potere di nomina. La illegittimità dell’interruzione degli incarichi dirigenziali determina – in linea generale – il diritto alla reintegrazione negli incarichi stessi”.

E’ questo il principio di diritto stabilito dalla Corte di Cassazione con la Sentenza n. 9728 dell’11 gennaio 2017 e pubblicata il 18 aprile 2017, a seguito del ricorso

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Prestiti Enti territoriali: nuova proroga del termine per chiedere a Cassa DD.PP. rimborso anticipato o riduzione

  Con un Comunicato pubblicato il 29 maggio 2015 sul proprio sito istituzionale, la Cassa Depositi e Prestiti Spa ha

Società pubbliche: il processo di razionalizzazione contenuto nella “Legge di stabilità 2015”

Il processo di razionalizzazione degli Organismi partecipati introdotto dall’art. 1, commi da 611 a 614, della Legge 23 dicembre 2014,

Nota di credito: possibile l’emissione anche nei casi “simili” alla “nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione” dei contratti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 77 del 19 marzo 2019, ha fornito chiarimenti in merito