La revoca delle posizioni dirigenziali e organizzative: stessi principi

La revoca delle posizioni dirigenziali e organizzative: stessi principi

La revoca degli incarichi di posizioni organizzative nell’ambito degli Enti Locali può essere disposta sulla base degli specifici presupposti indicati dall’art. 9, comma 3, del Ccnl. 31 marzo 1999 ed è illegittima se comunicata in considerazione del mero mutamento dell’Organo investito del potere di nomina. La illegittimità dell’interruzione degli incarichi dirigenziali determina – in linea generale – il diritto alla reintegrazione negli incarichi stessi”.

E’ questo il principio di diritto stabilito dalla Corte di Cassazione con la Sentenza n. 9728 dell’11 gennaio 2017 e pubblicata il 18 aprile 2017, a seguito del ricorso

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Compenso incentivante: non può essere riconosciuto per le attività di manutenzione, siano esse ordinarie o straordinarie

Nelle Delibere n. 36 e 37 del 20 aprile 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, si rammenta che, con

Principio di rotazione: applicabile solo se la fattispecie contrattuale è identica

Nella Sentenza n. 166 del 21 maggio 2018del Tar Friuli Venezia Giulia, la ricorrente impugna, unitamente agli atti di gara,

Incarico di P.O. conferito a dipendente di Categoria “C” in un Ente con posizioni di Categoria “D”: qual è il limite economico per la retribuzione di posizione?

Il testo del quesito: “E’ possibile attribuire a un dipendente di Categoria ‘C’ un importo di ‘p.o.’ superiore a Euro