La videosorveglianza nella sicurezza urbana: il quadro normativo

La videosorveglianza nella sicurezza urbana: il quadro normativo

 

La videosorveglianza ha da sempre generato nella cittadinanza 2 atteggiamenti: l’apprensione e il fastidio di essere videosorvegliati da una parte e la necessità di sicurezza dall’altra. Questi 2 volti hanno sempre viaggiato su una linea di confine tra l’uso lecito e quello illecito della videosorveglianza effettuata per fini privati, pubblici o da privati per l’erogazione di servizi pubblici (Settore terziario). Gli scopi principali che hanno avallato l’uso della videosorveglianza sono stati quelli della prevenzione della microcriminalità e della tutela del patrimonio comunale. In seguito al c.d. “Pacchetto Sicurezza”, questa possibilità è stata ampliata anche al vandalismo, al

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Pubblica sicurezza: convertito in Legge il “Dl. Stadi”, nuove risorse per rispondere all’incremento di richieste di asilo

È stata pubblicata sulla G.U. n. 245 del 22 ottobre 2014 la Legge 17 ottobre 2014, n. 146, di conversione

Anticorruzione: confermate le indicazioni operative del 2013 per la trasmissione dei Piani

L’Anac ha comunicato, con una Nota diffusa sul proprio sito il 12 gennaio 2015, che restano valide anche per quest’anno

Istat: Pil italiano sale dello 0,8% nel 2015

Dopo 3 anni consecutivi di segno meno, il Pil italiano torna a crescere, seppur in modo contenuto, chiudendo il 2015