Lavoratori collocati in aspettativa sindacale: le indicazioni dell’Inps sulla contribuzione aggiuntiva

Lavoratori collocati in aspettativa sindacale: le indicazioni dell’Inps sulla contribuzione aggiuntiva

L’Inps, con la Circolare n. 129 del 4 ottobre 2019, ha fornito le Istruzioni al fine di superare le criticità emerse in ordine a taluni profili applicativi della normativa per l’esatta determinazione dell’imponibile della contribuzione facoltativa (c.d. “contribuzione aggiuntiva”), di cui all’art. 3, commi 5 e 6, del Dlgs n. 564/1996, e la sua corretta valorizzazione ai fini pensionistici.

In particolare, per quanto riguarda la contribuzione aggiuntiva a favore dei lavoratori collocati in aspettativa sindacale, ai sensi dell’art. 31 della Legge n. 300/1970,ovvero in distacco sindacale con diritto alla retribuzione a carico del datore di lavoro.

La Circolare analizza la natura della contribuzione aggiuntiva, la base imponibile per la determinazione della stessa e le modalità ed i termini entro cui provvedere al versamento, nonché i riflessi pensionistici nelle Gestioni previdenziali private, pubbliche ed in taluni fondi sostitutivi.

Alle contribuzioni aggiuntive di cui all’art. 3, commi 5 e 6, del Dlgs n. 564/1996, non si applica il principio di automaticità delle prestazioni ex art. 2116 del Cc.. Infatti, la copertura contributiva nasce, in entrambe le fattispecie, solo a seguito di domanda (facoltativa) inoltrata dalle Organizzazioni sindacali (ed in presenza di tutti gli altri requisiti normativamente previsti), che esercitano – in applicazione di norme interne all’Organizzazione medesima – una facoltà, in accordo con il rappresentante sindacale destinatario della contribuzione.

Per i pubblici dipendenti inoltre la contribuzione aggiuntiva è utile anche ai fini della determinazione della quota A (retributiva) di pensione, a condizione che le somme corrisposte soddisfino i caratteri della “fissità” e “continuità”, desumibili dall’atto di conferimento dell’incarico sindacale. Il sindacato è tenuto altresì alla trasmissione del flusso Uniemens-listaPosPa.


Related Articles

Utilizzo del Mepa: legittimo l’affidamento diretto se il servizio è irreperibile

Nella Delibera n. 899/2018 dell’Anac, un appaltatore ha chiesto un parere sulla correttezza dell’operato della stazione appaltante e, in particolare,

Mancato rispetto di scadenze e adempimenti connessi al ciclo di bilancio: divieto assoluto di assunzione

Nella Delibera n. 80 del 15 giugno 2018della Corte dei conti Campania, la Regione ha chiesto un parere sull’interpretazione di

Recovery fund: Segretario Città metropolitana Napoli, “Fondamentale usare le risorse per rinnovare la P.A.”

L’intervento di Antonio Meola, Segretario della Città metropolitana di Napoli, alla Tavola Rotonda organizzata da Centro Studi Enti Locali Antonio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.