Lavoro accessorio: limiti all’utilizzo dei voucher ex Dlgs. n. 81/15

Lavoro accessorio: limiti all’utilizzo dei voucher ex Dlgs. n. 81/15

L’Inps, con il Messaggio n. 4752 del 28 novembre 2017, ha fornito indicazioni in merito all’utilizzo dei buoni lavoro ancora validi.

Come noto, il Dl. n. 25/17, recante “Disposizioni urgenti per l’abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti“, ha disposto l’abrogazione degli artt. 48, 49 e 50 del Dlgs. n. 81/15, relativi alla disciplina del lavoro accessorio.

La norma ha previsto altresì che i buoni per prestazioni di lavoro accessorio richiesti alla data di entrata in vigore dello stesso Decreto (17 marzo 2017) possano essere utilizzati fino al 31 dicembre 2017.

Come precisato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con il Messaggio n. 1652/17, l’utilizzo dei buoni per prestazioni di lavoro accessorio – nel periodo transitorio sopra indicato – deve essere effettuato nel rispetto delle disposizioni in materia di lavoro accessorio previste nelle norme oggetto di abrogazione ex Dlgs. n. 81/15.

A tal fine, visto l’approssimarsi della scadenza, i buoni lavoro possono essere utilizzati esclusivamente per prestazioni il cui svolgimento avrà luogo entro il 31 dicembre 2017; pertanto, non sarà consentito ai committenti di inserire nella procedura informatica prestazioni con data inizio o fine successiva al 31 dicembre 2017. Eventuali prestazioni già inserite erroneamente nella procedura informatica e relative a periodi decorrenti dal 1° gennaio 2018, anche se con data inizio prestazione antecedente, verranno cancellate d’ufficio e il committente non riceverà nessuna comunicazione in merito. Nel caso di prestazioni che abbiano data inizio nel 2017 e data fine nel 2018, verranno cancellate d’ufficio soltanto le prestazioni relative al 2018.

Nelle fattispecie di utilizzo di buoni lavoro tramite la procedura telematica, le prestazioni di lavoro accessorio poste in essere fino al 31 dicembre 2017 dovranno essere consuntivate dal committente improrogabilmente entro la data del 15 gennaio 2018. Dal 16 gennaio 2018 sarà inibito l’accesso alla procedura internet dedicata al lavoro accessorio.

I rimborsi delle somme versate entro la data del 17 marzo 2017 e non utilizzate dal committente alla data del 31 dicembre 2017, potranno essere richiesti mediante Modello “Sc52” entro la data del 31 marzo 2018.


Related Articles

Esimente politica: non applicata se il danno erariale nasce da un debito fuori bilancio

Nella Sentenza n. 197 del 6 settembre 2016 della Corte dei conti Calabria, la questione controversa attiene ad una ipotesi

Responsabilità: condanna di 7 Dirigenti per aver corrisposto compensi per la partecipazione a Commissioni di gara a dei dipendenti pubblici

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale regionale per la Puglia – Sentenza n. 821 del 30 ottobre 2008 Oggetto Condanna

Fatturazione elettronica da P.A. a privati: possibilità o obbligo?

Il testo del quesito: “Nell’ultimo aggiornamento del software che il Comune utilizza per la gestione della fatturazione elettronica si legge