Le stabilizzazioni negli Enti Locali

Le stabilizzazioni negli Enti Locali

Introduzione

L’art. 20 del Dlgs. n. 75/17 introduce una disciplina, di natura transitoria, finalizzata alla stabilizzazione del personale precario attraverso una valorizzazione delle “professionalità da tempo maturate e poste al servizio delle Pubbliche Amministrazioni[1]. Le nuove disposizioni produrranno i propri effetti solamente per il triennio 2018-2020 e si aggiungono a quelle già previste dall’art. 4 del Dl. n. 101/13 e dall’art. 35, comma 3-bis, del Dlgs. n. 165/01.

La norma prevede 2 distinte modalità, una tantum, per il transito nei ruoli dei Comuni dell’attuale personale precario non dirigenziale:

  • la diretta assunzione dei dipendenti a
Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Servizi pubblici locali”: la responsabilità dell’Ente Locale da attività di direzione e coordinamento

Con riferimento ai “gruppi locali pubblici”, è ancora dibattuto il caso se considerare l’Ente Locale “padre” fra gli Enti che

Revisori Enti Locali: le “Linee d’indirizzo” per la Relazione sui bilanci di previsione 2017/2019

La Corte dei conti, Sezione Autonomie, con la Deliberazione n. 14/Aut/2016/Inpr, approvata nell’adunanza del 13 giugno 2017 e pubblicata sulla

Congedo obbligatorio per padri lavoratori: i chiarimenti Inps sulle regole valide per il 2017

Con il Messaggio n. 828 del 24 febbraio 2017, l’Inps ha fornito chiarimenti relativi al congedo obbligatorio per padri lavoratori