“Legge Madia”: la Sentenza della Consulta non inficia i limiti fissati per il trattamento accessorio del personale dipendente

“Legge Madia”: la Sentenza della Consulta non inficia i limiti fissati per il trattamento accessorio del personale dipendente

Nella Delibera n. 6 del 24 gennaio 2017 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede un parere sull’interpretazione dell’art. 1, comma 236, della Legge n. 208/15 alla luce della Sentenza n. 251/16 della Corte Costituzionale, che ha tra l’altro dichiarato l’illegittimità costituzionale degli artt. 11 e 17 della Legge n. 124/15 recante deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle Amministrazioni pubbliche. In particolare, viene chiesto se, in base alla Sentenza n. 251/16 della Corte Costituzionale, debba considerarsi abrogato l’art. 1, comma 236, della Legge n. 208/15, che disciplina il limite di spesa per il trattamento accessorio del personale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Scavalco condiviso”: il rimborso a favore della P.A. di appartenenza è da computarsi nelle spese di personale dell’Ente di utilizzazione

Nella Delibera n. 105 dell’8 agosto 2016 della Corte dei conti Molise, viene chiesto se l’eventuale stipulazione di una Convenzione

Autonomia regionale differenziata: lo stato dell’arte su una potenziale risorsa per la finanza pubblica che non ha mai trovato attuazione

Parte I- L’ultima specie di autonomia regionale sotto un profilo istituzionale Si premette l’art. 116 della Costituzione come attualmente in