“Legge Madia”: le novità introdotte in materia di licenziamento disciplinare dal Dlgs. n. 118/2017

“Legge Madia”: le novità introdotte in materia di licenziamento disciplinare dal Dlgs. n. 118/2017

Con la Sentenza n. 251 del 2016, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di alcune disposizioni contenute nella Legge-delega n. 124/15, tra le quali l’art. 17, comma 1, lett. s), che prevedeva “l’introduzione di norme in materia di responsabilità disciplinare dei pubblici dipendenti finalizzate ad accelerare e rendere concreto e certo nei tempi di espletamento e di conclusione l’esercizio dell’azione disciplinare”. La Corte non ha ritenuto “soddisfatto, su alcune specifiche materie di competenza anche regionale, il rispetto del principio di leale collaborazione. In particolare, nella Sentenza si è affermato che tale principio deve essere assicurato nell’ambito

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Bilancio Ue e “Recovery fund”: cifre, criteri e brevi considerazioni

Premessa Senza entrare tanto nella cronaca spicciola, conosciuta un po’ da tutti dopo il costante e martellante aggiornamento mediatico ad

Riforma Costituzionale: i contenuti della Legge che segna la fine del bicameralismo perfetto

Precedentemente noto come “Ddl. Boschi”, il testo della Legge costituzionale che decreta il tramonto del c.d. “bicameralismo perfetto” è stato

“Piano triennale per la prevenzione della corruzione”: le indicazioni dell’Anac per l’aggiornamento annuale

Con il Comunicato 13 luglio 2015, il Presidente dell’Anac ha fornito alcune indicazioni in merito all’aggiornamento annuale del “Piano triennale