Libertà di trasferimento del farmacista all’interno della zona di competenza: non è incondizionata

Libertà di trasferimento del farmacista all’interno della zona di competenza: non è incondizionata

La libertà di trasferimento del farmacista all’interno della zona di competenza non è incondizionata. Il trasferimento è soggetto infatti ad autorizzazione dell’autorità, la quale deve verificare, fra l’altro, che il locale indicato sia situato in modo da soddisfare le esigenze degli abitanti della zona. Il relativo potere discrezionale va interpretato in senso ragionevolmente restrittivo, in quanto ordinariamente si può presumere che il titolare si orienti spontaneamente dove è maggiore la domanda ed è prevedibilmente più elevato l’afflusso degli avventori, e quindi verso il luogo che, di fatto, è il più idoneo a soddisfare le esigenze degli abitanti della zona. L’eventuale diniego si giustifica in situazioni particolari, ad esempio quando la collocazione prescelta, nell’ambito di una zona territorialmente molto vasta, “risulta non difficilmente accessibile alla maggior parte dell’utenza della zona stessa ed appare orientata, piuttosto, ad attirare una utenza estranea”.

Continua a leggere su Diritto dei servizi pubblici locali

Questo contenuto è stato selezionato per i nostri lettori dallo Studio legale Tessarolo, editore di Diritto dei servizi pubblici e partner di Centro Studi Enti Locali.

Diritto dei servizi pubblici è una rivista giuridica telematica che, dal 2001, raccoglie informazioni, articoli, leggi, sentenze ed altri provvedimenti su numerosi argomenti di diritto, con particolare riferimento al diritto dei servizi pubblici locali, a cura dello Studio Legale Tessarolo.


Related Articles

Piani di razionalizzazione delle Società partecipate: solo un Ente territoriale abruzzese su 3 ha rispettato la scadenza

Nella Delibera n. 228 del 17 novembre 2016 della Corte dei conti Abruzzo, vengono esposti i risultati dell’esame dei documenti

Società partecipate: accantonamenti degli Enti soci, per risultati negativi, disponibili in caso di fallimento o concordato preventivo

Nella Delibera n. 119 del 5 luglio 2019 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco ha chiesto chiarimenti in ordine

Organi di governo Società partecipate: applicabilità del divieto di conferimento di cariche a soggetti collocati in quiescenza

  Con riferimento alla possibilità di conferire la carica di Amministratore nell’Organo di amministrazione di una Società “in house” ad

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.