Licenziamento: per la Cassazione è valido se un dipendente pubblico si allontana dall’Ufficio senza timbrare il cartellino

Licenziamento: per la Cassazione è valido se un dipendente pubblico si allontana dall’Ufficio senza timbrare il cartellino

Con la Sentenza n. 25750 del 14 dicembre 2016, la Corte di Cassazione si esprime sul caso di un dipendente pubblico che è stato licenziato sulla base dell’art. 55-quater del Dlgs. n. 165/01, perché allontanatosi dal posto di lavoro senza autorizzazione, negli intervalli temporali tra la timbratura d’ingresso e quella d’uscita, omettendo di registrare le timbrature intermedie e fornendo quindi una attestazione non veritiera sulla sua effettiva presenza nel luogo di lavoro.

La Suprema Corte rileva che la condotta che si sostanzia nell’allontanamento dal luogo di lavoro senza far risultare, mediante timbratura del cartellino o della scheda magnetica, i

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Comunità montana soppressa: permane obbligo versamento quote associative sino al completamento della procedura di liquidazione

Nella Delibera n. 117 del 15 settembre 2016 della Corte dei conti Molise, viene chiesto un parere sulla persistenza dell’obbligo

Dipendenti trasferiti da Comunità montana: incidenza sul calcolo della spesa di personale

Nella Delibera n. 29 del 3 maggio 2017 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco ha chiesto un parere in

Porti turistici: niente aumento automatico dei canoni demaniali

Nella Sentenza n. 29 del 27 gennaio 2017 della Corte Costituzionale, è stata sollevata la questione di legittimità costituzionale dell’art.