Lotta all’evasione: verso un maggiore coinvolgimento dei Comuni grazie all’intesa tra Guardia di Finanza, Entrate, Anci e Ifel

Lotta all’evasione: verso un maggiore coinvolgimento dei Comuni grazie all’intesa tra Guardia di Finanza, Entrate, Anci e Ifel

Una sorta di patto “antievasione” per incentivare la partecipazione degli Enti Locali all’accertamento dei tributi erariali. Potrebbe essere definito così il Protocollo d’intesa siglato l’8 febbraio 2018 da Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza, Anci e Ifel (Istituto per la finanza e l’economia locale).

Come riferito dall’Amministrazione finanziaria con una Nota diramata lo stesso giorno, l’intesa – la cui durata è triennale – ruota soprattutto all’idea di promuovere segnalazioni qualificate, formazione mirata con l’utilizzo delle “best practice” e delle nuove tecnologie, rafforzamento della rete dei referenti a livello territoriale che lavoreranno in sinergia in ogni fase del processo, coordinamento e indirizzo strategico-operativo da parte del gruppo di lavoro.

Per migliorare la qualità delle segnalazioni, è stato programmato un piano formativo che coinvolgerà tutti gli attori del processo, con la definizione di una check-list di fatti, elementi e informazioni che aiutino a predisporre segnalazioni qualificate direttamente utilizzabili e, soprattutto, la diffusione e l’implementazione delle buone pratiche individuate sul territorio, al fine di migliorare le procedure di selezione e di analisi per una corretta elaborazione dei profili e dei comportamenti a rischio, ovvero, potenzialmente elusivi o evasivi.

Al centro della nuova intesa un posto di rilievo spetta sicuramente alla rete dei referenti, definita fondamentale per il coordinamento delle attività a livello territoriale, per la conoscenza e il corretto utilizzo del patrimonio informativo a disposizione degli Enti locali, per la conduzione dei piani specifici di formazione, per lo sviluppo di processi di analisi del rischio mediante l’incrocio delle banche dati a disposizione nonché per un costante confronto sullo stato di lavorazione delle segnalazioni al fine di migliorarne, progressivamente, la qualità.


Related Articles

Associazioni sportive dilettantistiche: requisito di capacità economico-finanziaria

Nella Sentenza n. 685 del 21 marzo 2018 del Tar Catanzaro, la questione controversa in esame riguarda il requisito di

“Sisma 2016”: in arrivo il rimborso per l’anno 2020 ai Comuni delle minori entrate relative all’Icp, Cimp, Tosap e Cosap

Come si apprende dal Comunicato 25 maggio 2022, pubblicato sul sito del Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza

Pressione fiscale 2014: per l’Istat è al 43,4% ma per il Mef è inferiore

Con il Comunicato 2 marzo 2015, il Mef ha riferito che, stando alle stime definitive Istat, la pressione fiscale italiana