Mancato rispetto “Pareggio di bilancio 2017”: emanato il Decreto sull’applicazione della seconda rata delle sanzioni per i Comuni

Mancato rispetto “Pareggio di bilancio 2017”: emanato il Decreto sull’applicazione della seconda rata delle sanzioni per i Comuni

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 15 aprile 2019, ha reso noto il testo del Dm. Interno 11 aprile 2019 relativo all’applicazione della seconda rata della sanzione che grava in capo ai Comuni non rispettosi del “Pareggio di bilancio 2017”, di cui all’art. 1, comma 475, lett. a) della Legge n. 232/2016.

Nell’Elenco allegato al Dm. sono indicate le sanzioni fissate per ognuno dei 26 Comuni interessati dal Provvedimento. Tali importi sono stati determinati in misura pari alla quota-parte della differenza tra saldo tra entrate e spese finali valide ai fini del saldo di finanza pubblica e saldo obiettivo “Pareggio” rideterminato finale 2017.

La sanzione comporta la riduzione delle risorse a titolo di “Fondo di solidarietà comunale 2019”.In caso di insufficienza di risorse per operare la riduzione, la somma residua dovrà essere versata dai Comuni entro il 31 dicembre 2019, tramite la locale Sezione di Tesoreria provinciale dello Stato, all’entrata del bilancio dello Stato, Capo X, capitolo 3509, art. 2. In caso di mancato versamento al bilancio dello Stato della predetta somma residua, il recupero sarà operato secondo le procedure previste ai commi 128 e 129, dell’art. 1, della Legge n. 228/2012 (“Legge di stabilità 2013”).


Related Articles

Variazione bilancio di previsione: quali sono le conseguenze della mancata ratifica nei tempi previsti da parte del Consiglio comunale?

Il testo del quesito:           “La Giunta comunale ha deliberato, ai sensi dell’art. 175 Tuel, una

Appalti e lavori pubblici: il testo integrale del nuovo Codice in vigore dal 19 aprile 2016

La rivoluzione del Comparto appalti e concessione è ufficialmente compiuta. Il nuovo Codice – Dlgs. 18 aprile 2016, n. 50,

Il nuovo Regolamento “Privacy”: quali adempimenti per le Società a partecipazione pubblica?

Premessa Come noto, il Regolamento sulla “Privacy” entra in vigore il 25 maggio 2018. L’art. 99 (“Entrata in vigore e

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.