Meloni sabato in missione in Libia, verso firma accordo Eni-Noc

Meloni sabato in missione in Libia, verso firma accordo Eni-Noc

(Adnkronos) – E’ prevista per sabato 28 gennaio la missione in Libia della premier Giorgia Meloni, insieme al vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani e al ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. Una visita che arriva a conclusione di una serie di missioni nell’area della presidente del Consiglio e dei due ministri, nell’ambito di quel ‘Patto per il Mediterraneo’ con cui coinvolgere i Paesi più direttamente interessati alla stabilizzazione della Libia, fondamentale per arginare i flussi migratori ma anche per assicurare maggiori forniture di gas all’Italia e all’Europa, in alternativa a quelle dalla Russia. 

Non è un caso che sabato a Tripoli potrebbe essere firmato un accordo tra l’Eni e la compagnia libica Noc del valore di otto miliardi di dollari. Un altro tassello della strategia italiana di diversificazione, dopo gli accordi firmati lunedì dalla Meloni ad Algeri e la missione al Cairo di Tajani, che oggi ha annunciato l’arrivo nel 2023 dall’Egitto di tre miliardi di metri cubi di gas. Lo stesso ministro degli Esteri, oggi nel corso di un question time alla Camera, ha ribadito che “la stabilizzazione della Libia è cruciale, è al centro dei nostri colloqui con tutti gli attori che sul quel paese esercitano un’influenza”.  

“Dobbiamo compiere ogni sforzo per consentire lo svolgimento delle elezioni entro il 2023 in linea con la mediazione delle Nazioni Unite che l’Italia sostiene convintamente”, ha affermato il ministro degli Esteri, che nelle settimane scorse è stato anche ad Ankara, sponsor principale del governo di unità nazionale di Abdul Hamid Dbeibah. 

La Libia continua ad avere due esecutivi, quello di Tripoli, riconosciuto dalla comunità internazionale, e quello guidato da Fathi Bashagha, premier nominato dalla Camera dei rappresentanti di Tobruk, vicino al generale Khalifa Haftar. E Bashagha è intervenuto sulla prossima visita della Meloni con un comunicato, nel quale si è detto “sorpreso” per la missione a Tripoli e gli incontri con “un governo il cui mandato è scaduto” e che dunque non avrebbe più alcuna legittimità. 

Il rappresentante dell’est ha parlato di un accordo “misterioso” nel settore petrolifero tra Eni e la Noc, avvertendo che “lo Stato libico non si atterrà ad alcun accordo dallo scopo ed esito sospetto”, minacciando che “ricorrerà alla magistratura”. Nei giorni scorsi, il presidente della Noc Farhat Bengdara aveva parlato ai media libici di un accordo in preparazione con Eni che punta a produrre 24 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno da due giacimenti offshore.  

Ieri la ministra degli Esteri libica Najla al Mangoush aveva ricevuto l’ambasciatore italiano a Tripoli, Giuseppe Buccino, con il quale aveva discusso della preparazione della visita della Meloni insieme ai due ministri. 


Related Articles

Salvini: “Centrodestra unito alle politiche, leader chi ha più voti”

(Adnkronos) – “Sono sicuro che il centrodestra sarà unito alle politiche”. Parola del , Matteo Salvini che esclude divisioni con

Radio, entro l’anno 9 mln ricevitori digitali Dab+ nelle case e nelle auto degli italiani

Sono oltre 8 milioni i possessori di un ricevitore digitale Dab+ tra quelli domestici e quelli integrati nell’impianto infotainment dell’auto

Covid oggi Lazio, 3.289 contagi: a Roma 1.730 casi

(Adnkronos) – Sono 3.289 i nuovi contagi da coronavirus oggi 15 ottobre nel Lazio, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.