Migliore modalità di gestione del servizio pubblico con la relazione che giustifica la forma dell’affidamento

Migliore modalità di gestione del servizio pubblico con la relazione che giustifica la forma dell’affidamento

Nella Sentenza n. 2275 dell’8 aprile 2019 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda la valenza sostanziale della relazione illustrativa ex art. 34, comma 20, del Dl. n. 179/2012, con cui l’Amministrazione deve illustrare le ragioni della scelta di un particolare modello di gestione del servizio pubblico. I Giudici rilevano che, nel contesto di sostanziale equiordinazione tra i vari modelli di gestione disponibili per la gestione dei “servizi pubblici locali” (mediante il ricorso al mercato, attraverso il c.d. “partenariato pubblico-privato”, tramite Società mista, ovvero attraverso l’affidamento diretto in house), l’Amministrazione è chiamata

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Servizio trasporto scolastico urbano” e “Servizio per l’infanzia”: soggetti a obbligo contribuzione utenza?

Nella Delibera n. 115 del 25 febbraio 2015 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco chiede di conoscere se: a)

Società mista a partecipazione pubblica: divieto di avvalimento nelle gare indette per la selezione del socio privato

Nella Sentenza n. 152 del 30 marzo 2017 del Tar Abruzzo, una Società operante nel Settore dei “Servizi pubblici di

Affidamenti diretti a Società “in house”: prorogata al 30 ottobre 2017 l’istituzione dell’Elenco Anac

Arriva una nuova proroga del termine per l’avvio della presentazione delle domande di iscrizione nell’Elenco delle Amministrazioni aggiudicatrici e degli

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.