Mobilità: va attuata con riferimento non solo al personale della Provincia di appartenenza ma a tutto il personale delle Province

Mobilità: va attuata con riferimento non solo al personale della Provincia di appartenenza ma a tutto il personale delle Province

Nella Delibera n. 234 del 20 luglio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha posto alla Sezione in epigrafe indicata i seguenti quesiti:

  • se il Comune possa perfezionare la procedura di mobilità volontaria, esclusivamente riservata al personale di ruolo dell’Amministrazione provinciale;
  • se la spesa relativa alla predetta procedura di mobilità possa essere esclusa dal calcolo rilevante al fine del rispetto del tetto di spesa di cui all’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/06.

La Sezione, per quanto riguarda il primo quesito, ricorda la Delibera n. 19/15 della Sezione Autonomie, che statuisce che “per il 2015 ed

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Durc: il mancato versamento dei contributi del socio accomandatario comporta l’irregolarità e quindi l’esclusione dalla gara

Nella Sentenza n. 176 del 2 marzo 2015 del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, la parte appellante

Appalti: il collegamento sostanziale fra Imprese si può ravvisare nel caso di intensi intrecci societari e familiari fra più Società concorrenti

L’art. 38, lett. m-quater ), del “Codice dei contratti pubblici” costituisce causa ostativa di partecipazione alle procedure di gara nel

Società partecipate: in caso di danno causato da condotte illecite degli Amministratori, la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 15199 del 21 luglio 2015 la Corte di Cassazione statuisce che spetta al Giudice ordinario la competenza