Modello “730/2014”: chiarimenti per i sostituti d’imposta

E’ stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la Risoluzione n. 57/E del 30 maggio 2014, che ha chiarito alcuni quesiti posti dai sostituti d’imposta, dai Centri di assistenza fiscale, dai Professionisti abilitati e da altri operatori del Settore, in merito allo svolgimento dell’assistenza fiscale per la presentazione della Dichiarazione con il Modello “730/2014”.
In merito al ruolo dell’Ente Locale come sostituto d’imposta, riteniamo utile rilevare che la Risoluzione ha chiarito che, in caso di rimborso complessivamente superiore a 4.000 Euro e richiesta di detrazioni per carichi di famiglia e/o di eccedenza derivante dalla precedente Dichiarazione (anche se generata solo da fattori diversi dalle detrazioni per carichi di famiglia), sono previsti controlli preventivi da parte dell’Agenzia delle Entrate. Per tale ragione, non sarà il sostituto d’imposta a erogare gli eventuali rimborsi spettanti, ma direttamente l’Amministrazione finanziaria, a seguito delle operazioni di verifica, da effettuare entro 6 mesi dalla data di trasmissione del “730”. Qualora invece il rimborso superiore a Euro 4.000 scaturisca da crediti diversi dalle detrazioni per carichi di famiglia e/o eccedenze da precedente Dichiarazione, non vi sarà controllo preventivo e il rimborso sarà erogato dal sostituto d’imposta in seguito alla ricezione dei risultati contabili.
La Risoluzione in commento chiarisce anche che l’eccedenza risultante dalla Dichiarazione precedente, utilizzata per versamenti tramite “F24” e le somme risultanti dal Quadro “I-Imposte da compensare” del “730/2014”, destinate alla compensazione di Imposte da versare autonomamente con il Modello “F24”, non concorrono al plafond di 4.000 Euro, poiché non fanno parte dell’importo risultante a rimborso.


Tags assigned to this article:
730modello

Related Articles

Sostituti d’imposta: non è sanzionata l’errata compensazione delle ritenute in eccesso

  Con la Risoluzione n. 7/E del 28 gennaio 2016, l’Agenzia delle Entrate ha disposto la disapplicazione di sanzioni per

Spese sanitarie e veterinarie: definite le modalità tecniche di utilizzo dei dati ai fini della Dichiarazione dei redditi precompilata

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 6 maggio 2019, ha definito le “Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese

Consultori: condizioni per il mantenimento della qualifica di Onlus in presenza di spese a carico degli utenti

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Normativa, con la Risoluzione 23 gennaio 2015, n. 10/E, avente ad oggetto “Interpello –

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.