Monitoraggio graduatorie concorsuali: i primi dati relativi alla rilevazione della Funzione pubblica

Monitoraggio graduatorie concorsuali: i primi dati relativi alla rilevazione della Funzione pubblica

Sono oltre 15.920 le graduatorie attualmente vigenti in Italia per un totale di quasi 16.000 posti banditi: i dati sono emersi grazie al monitoraggio avviato dal Dipartimento della Funzione pubblica in applicazione dell’art. 4, comma 5, del Dl. n. 101/13, convertito con modificazioni dalla Legge n. 125/13.

Ricordiamo che il monitoraggio, come reso noto dal Dipartimento il 17 marzo scorso, è diventato permanente. Vale a dire che tutte le Pubbliche Amministrazioni, Enti Locali compresi, sono tenuti a comunicare tempestivamente attraverso l’apposito Portale le graduatorie di ogni eventuale nuovo concorso avviato e che giunga a conclusione, aggiornando la propria situazione complessiva.

Attraverso la Piattaforma (http://www.monitoraggiograduatorie.gov.it), i cittadini e gli addetti ai lavori possono adesso accedere ai 3 seguenti report:

  • risultati della rilevazione 2014;
  • risultati della rilevazione al 30 aprile 2015;
  • risultati della rilevazione in tempo reale.

Con il Comunicato 28 luglio 2015, il Dipartimento della Funzione pubblica ha ricordato che il non avere graduatorie vigenti non costituisce una ragione per astenersi dagli adempimenti: anche l’eventuale mancanza di graduatorie deve essere infatti espressamente comunicata dagli Enti.


Related Articles

Iva sui buoni pasto: un chiarimento sul regime da applicare nei rapporti tra Società e datori di lavoro e tra somministratori e Società

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 75/E del 1° dicembre 2020, ha fornito chiarimenti in merito al trattamento Iva

“Split payment”: emanato il correttivo al Dm. Mef, con la riduzione dei vincoli per ottenere i rimborsi Iva

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, ha pubblicato sul proprio sito istituzione il Dm. 20 febbraio

Province: Upi, “Urgente saldo spettanze 2015, a rischio la funzionalità degli Enti”

Dopo l’Anci, che ha recentemente visto accolte le proprie richieste, anche l’Unione delle Province italiane (Upi) presenta il conto al