Mps, verso lo stop il negoziato tra Unicredit e il governo

Mps, verso lo stop il negoziato tra Unicredit e il governo

Il governo e Unicredit si preparerebbero ad annullare i negoziati su Mps, dopo che gli sforzi per raggiungere un accordo sarebbero falliti. Più che sul capitolo ricapitalizzazione, la difficoltà sarebbe legata al rispetto delle condizioni accordate tra le parti a luglio scorso. “Le condizioni fissate a luglio non verrebbero soddisfatte, quindi si rischia che possa saltare l’operazione”, dice una fonte all’Adnkronos. “La stessa due diligence ha fatto emergere problematiche complesse e quindi entrambe le parti stanno trovando difficile trovare una soluzione che rispetti le pre-condizioni”, spiega ancora. 

Nel comunicato del 29 luglio scorso UniCredit e il Mef, in qualità di azionista di maggioranza di Banca Monte dei Paschi di Siena, avevano fissato i presupposti per la potenziale operazione. Tra i principali presupposti concordati con il Mef per verificare la fattibilità dell’operazione a livello patrimoniale ed economico, c’è “la neutralità della stessa rispetto alla posizione di capitale del gruppo su base pro forma”. 

E ancora: “un accrescimento significativo dell’utile per azione dopo aver considerato le possibili sinergie nette dell’operazione e in ogni caso il mantenimento dei livelli attuali di utile per azione anche prima di tener conto delle possibili sinergie al 2023; l’esclusione di contenziosi straordinari non attinenti all’attività di ordinaria gestione bancaria e di tutti i relativi rischi legali, attuali o potenziali; l’esclusione dei crediti deteriorati e l’adeguata copertura di eventuali ulteriori rischi di credito che siano identificati anche a seguito della due diligence attraverso modalità da definire; l’accordo sulla gestione del personale in funzione del compendio inerente all’esercizio delle attività commerciali”. 

Se davvero dovesse esserci lo stop ai negoziati su Mps per il governo sarebbe più difficile rispettare gli impegni assunti con l’Ue di riprivatizzare la banca entro l’aprile del 2022. 

Unicredit, interpellata dall’Adnkronos, non si espone oltre sulle indiscrezioni di stampa secondo cui il governo e il gruppo bancario si preparerebbero ad annullare i negoziati su Mps, ma si limita a un “no comment”. Secondo quanto risulta all’agenzia, più che sul capitolo ricapitalizzazione, la difficoltà dell’operazione sarebbe legata al rispetto delle condizioni accordate tra le parti a luglio scorso.
 


Related Articles

Nuova Codere, nel terzo trimestre ricavi a 343,4 mln (+47,2%)

(Adnkronos) – Nuova Codere, multinazionale leader nel settore del gioco privato, ha annunciato oggi i risultati del terzo trimestre del

Variante delta, quanto contagiano i vaccinati? I nodi da chiarire

In che modo le persone vaccinate diffondono la variante Delta del covid? Dopo la velocità con cui il mutante ha

Chatbot e Ai, é ‘conversare’ il nuovo trend dell’e-commerce

“Conversare”. E’ questa la parola d’ordine del nuovo corso del commercio via internet, un trend che gli esperti di marketing

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.