Niente obbligo di indicazione del Responsabile del procedimento nell’intimazione ad adempiere

Niente obbligo di indicazione del Responsabile del procedimento nell’intimazione ad adempiere

Nell’Ordinanza n. 23672 del 1°ottobre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, diversamente dalla cartella di pagamento, non esiste l’obbligo di firma del Funzionario per l’intimazione ad adempiere. L’obbligo imposto dall’art. 7, della Legge n. 212/2000, al Concessionario della riscossione, soggetto privato cui compete l’esercizio di funzioni pubbliche, di indicare nelle cartelle di pagamento il Responsabile del procedimento, “ha lo scopo di assicurare la trasparenza dell’attività amministrativa, la piena informazione del cittadino (anche ai fini di eventuali azioni nei confronti del Responsabile) e la garanzia del diritto di difesa, che sono altrettanti aspetti del buon

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Mutui Enti territoriali: in calo debito residuo e stock prestiti obbligazionari

Il debito residuo al 1° gennaio 2016 è pari a 54,2 miliardi di Euro, contro i 56,7 miliardi di un

“Cu 2017”: per gli autonomi possibile l’invio entro i termini previsti per il Modello 770 come per il 2016

Nessuna sanzione per le “Certificazioni uniche” (Cu) trasmesse dopo il termine del 7 marzo 2017, a meno che non contengano

Componenti della Commissione di concorso: devono essere esperti in discipline non estranee alle tematiche oggetto delle prove concorsuali

Nella Sentenza 1060 del 12 settembre 2017 del Tar Toscana, i Giudici chiariscono che le previsioni normative di cui agli

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.