Notifica cartella: Equitalia deve provarla con originale o copia conforme

Notifica cartella: Equitalia deve provarla con originale o copia conforme

La Sentenza n. 466/1/14 del 4 novembre 2014 della Ctp Matera, con riferimento alle notifiche delle cartelle di pagamento, i Giudici aditi hanno precisato che incombe sulla Concessionaria l’onere di provare la loro regolarità. Nel caso di specie era stata contestata dalla ricorrente l’efficacia probatoria delle copie fotostatiche prodotte e, di conseguenza, i Giudici avevano ritenuto necessaria l’allegazione degli originali o quella di copie conformi.

Nel caso di mancanza degli originali della notifica operata, il riferimento alle copie conformi indica un atto con la stessa efficacia probatoria degli originali, pertanto si deve trattare di copie autentiche implicanti l’attestazione di perfetta conformità alle notifiche originali. L’onere probatorio non può essere soddisfatto né dalla produzione di copie fotostatiche né, tanto meno, dall’asseverazione di conformità della cartella all’estratto di ruolo.

L’oggetto della controversia in esame, quindi, attiene al contenuto originario della notifica della cartella, e, non il contenuto oggettivo della pretesa tributaria, quindi, in conclusione, Equitalia era tenuta a provare la notifica della cartella depositando l’originale o copia ad esso conforme nel caso di contestazione.


Tags assigned to this article:
Equitalianotificaprova

Related Articles

Acquisizione di partecipazione in una Società commerciale che vende energia e gas: obbligo di motivazione

Nella Sentenza n. 1935 del 2 settembre 2019 del Tar Lombardia, i Giudici hanno affermato che un Ente Locale non

Compensazione minor gettito Imu/Tasi 2019: attribuiti i contributi ai Comuni ischitani colpiti dal Sisma

Con il Decreto 4 aprile 2019, pubblicato sulla G.U. n. 84 del 9 aprile 2019, emanato dal Ministero dell’Interno, è

L’Autorità nazionale Anticorruzione aderisce alla Piattaforma “PagoPA”

L’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac), come previsto dall’art. 5 del “Codice dell’Amministrazione digitale” e dall’art. 15, comma 5-bis, del Dl. n.