Notifica: è valida anche se non si indica la qualità di convivente del familiare del destinatario a cui è stata consegnata

Notifica: è valida anche se non si indica la qualità di convivente del familiare del destinatario a cui è stata consegnata

Nell’Ordinanza n. 20863 del 6 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia di notificazione a mezzo del Servizio postale, eseguita mediante consegna dell’atto a persona di famiglia che conviva, anche temporaneamente, con il destinatario.

Il rapporto di convivenza, almeno provvisorio, può essere presunto sulla base del fatto che il familiare si sia trovato nell’abitazione del destinatario ed abbia preso in consegna l’atto da notificare. Tuttavia, non è sufficiente per affermare la nullità della notifica la mancata indicazione della qualità di convivente sull’avviso di ricevimento della raccomandata, il cui contenuto, in caso di spedizione diretta a mezzo piego raccomandato, ai sensi dell’art. 16, comma 3, del Dlgs. n. 546/92, è quello prescritto dal Regolamento postale per la raccomandata ordinaria e non già quello previsto dall’art. 139 del Cpc.


Related Articles

Avviso di accertamento: deve indicare presupposti di fatto e ragioni giuridiche che lo giustificano

Nella Sentenza n. 954 del 20 gennaio 2016, la Corte di Cassazione afferma che, in tema di Imposte sui redditi,

“E-fattura”: sarà possibile affidarne l’emissione ad intermediari anche se non abilitati ai fini fiscali?

Il testo del quesito: “Con riferimento al nuovo obbligo di fatturazione elettronica, abbiamo dato in gestione ad un concessionario abilitato

Cassa DD.PP.: nuova Circolare con le condizioni di accesso al credito per gli Organismi di diritto pubblico con natura giuridica privatistica

Con la Circolare n. 1296 del 27 settembre 2019, la Cassa DD.PP. ha reso note le proprie condizioni generali per