Notifica: è valida anche se non si indica la qualità di convivente del familiare del destinatario a cui è stata consegnata

Notifica: è valida anche se non si indica la qualità di convivente del familiare del destinatario a cui è stata consegnata

Nell’Ordinanza n. 20863 del 6 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia di notificazione a mezzo del Servizio postale, eseguita mediante consegna dell’atto a persona di famiglia che conviva, anche temporaneamente, con il destinatario.

Il rapporto di convivenza, almeno provvisorio, può essere presunto sulla base del fatto che il familiare si sia trovato nell’abitazione del destinatario ed abbia preso in consegna l’atto da notificare. Tuttavia, non è sufficiente per affermare la nullità della notifica la mancata indicazione della qualità di convivente sull’avviso di ricevimento della raccomandata, il cui contenuto, in caso di spedizione diretta a mezzo piego raccomandato, ai sensi dell’art. 16, comma 3, del Dlgs. n. 546/92, è quello prescritto dal Regolamento postale per la raccomandata ordinaria e non già quello previsto dall’art. 139 del Cpc.


Related Articles

Rendiconto 2019: la nuova Faq di Arconet chiarisce un dubbio diffuso sull’Allegato “a/3”

La Faq n. 39, pubblicata sul sito internet istituzionale della RgS-Arconet il 24 aprile 2020, prende spunto dalla problematica, già

Free – Tributi locali: chiarimenti del Mef in merito alla trasmissione delle Deliberazioni di nomina del funzionario responsabile

È stata pubblicata sul portale del Dipartimento delle Finanze, www.finanze.gov.it, la Nota Mef 24 marzo 2014, n. 7812/14, titolata “Trasmissione

Iva: in caso di rilascio di voucher sostitutivi “multiuso” di viaggi di istruzione la fattura può essere emessa al momento della fruizione

L’Agenzia della Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 10 del 5 luglio 2021, ha fornito chiarimenti in ordine