Notifica: l’attestazione del Pubblico Ufficiale dell’assenza del contribuente fa prova fino a querela di falso

Notifica: l’attestazione del Pubblico Ufficiale dell’assenza del contribuente fa prova fino a querela di falso

Nella Sentenza n. 17807 del 9 settembre 2016 della Corte di Cassazione, in materia di notificazione degli atti in materia tributaria, l’attestazione del Pubblico Ufficiale di avere acquisito da informazioni in loco che il contribuente è “sloggiato”, costituisce atto pubblico ai sensi degli artt. 2699 e seguenti del Cc., e fa piena prova fino a querela di falso della ricezione delle dichiarazioni delle parti e degli altri fatti che il Pubblico Ufficiale attesta essere avvenuti in sua presenza. Questa prova non può certo essere inficiata da certificati anagrafici o elettorali che attestino solo formalmente la persistente residenza in loco del destinatario della notifica.

La Suprema Corte ha inoltre rilevato che la richiesta di una esplicita formalizzazione delle avvenute ricerche sulla relata di notifica non risponde ad alcuna previsione normativa e che le stesse si possono presumere dal regolare svolgimento dell’iternotificatorio.


Related Articles

Debiti P.A.: assegnate le anticipazioni di cassa agli Enti Locali sciolti per far fronte al pagamento di spese indifferibili

È stato pubblicato sulla G.U. n. 3 del 4 gennaio 2019 il Dm. Interno 19 dicembre 2018, rubricato “Anticipazione di

Cosap: la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 61 del 7 gennaio 2016, i Giudici della Corte di Cassazione hanno rilevato che l’oggettiva differenza fra

Refezione scolastica: la disponibilità di un Centro di cottura è requisito di esecuzione del contratto e non di partecipazione alla gara

Nella Sentenza n. 2083 del 3 aprile 2018 del Tar Campania, una Società di ristorazione propone ricorso per l’annullamento della