Notifica: non può essere esclusa la raccomandata informativa

Notifica: non può essere esclusa la raccomandata informativa

Nell’Ordinanza n. 17235 del 2 luglio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità osservano che l’art. 60 del Dpr. n. 600/1973, prevede che, nel caso la notifica venga eseguita dai Messi comunali o dai Messi speciali autorizzati dall’Ufficio delle Imposte, il Messo deve fare sottoscrivere dal consegnatario l’atto o l’avviso ovvero deve indicare i motivi per i quali il consegnatario non ha sottoscritto, prevedendo anche al comma 1, lett. b-bis che, nel caso il consegnatario non sia il destinatario dell’atto o dell’avviso, il Messo consegni o depositi la copia dell’atto da notificare in busta sigillata, su cui trascrive il numero cronologico della notificazione, dandone atto nella relazione in calce all’originale e alla copia dell’atto stesso.

Inoltre, la Suprema Corte sottolinea che:

– il consegnatario deve sottoscrivere una ricevuta e il Messo deve dare notizia dell’avvenuta notificazione dell’atto o dell’avviso, a mezzo di lettera raccomandata;

– il tenore letterale della disposizione configura la raccomandata informativa come un adempimento essenziale del procedimento di notifica.

Infine, i Giudici di legittimità pongono in evidenza la Sentenza n. 258/2012 della Corte Costituzionale, la quale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 140 del Cpc., nella parte in cui prevede che la notifica si perfeziona, per il destinatario, con la spedizione della raccomandata informativa, anziché con il ricevimento della stessa o, comunque, decorsi 10 giorni dalla relativa spedizione. Poi ha stabilito che nei casi di “irreperibilità cd. relativa” del destinatario va applicato l’art. 140 del Cpc., sicché è necessario, ai fini del suo perfezionamento, che siano effettuati tutti gli adempimenti ivi prescritti, incluso l’inoltro al destinatario e l’effettiva ricezione della raccomandata informativa del deposito dell’atto presso la Casa comunale, non essendone sufficiente la sola spedizione.


Related Articles

Cessazioni 2015: la capacità assunzionale che ne deriva deve essere destinata alla ricollocazione del personale delle Province

Nella Delibera n. 37 del 4 febbraio 2016 della Corte dei conti Lombardia, il quesito posto riguarda la corretta interpretazione

Tari: Delibera di approvazione delle tariffe adottata senza Piano economico-finanziario

Nella Sentenza n. 8283 del 18 ottobre 2017 della Ctr Campania, i Giudici si esprimono sulla legittimità o meno della

Appalti: l’affidamento diretto non è consentito se la situazione di urgenza è imputabile all’Amministrazione

Non muta l’orientamento giurisprudenziale in materia di affidamenti diretti senza gara: questi sono consentiti infatti solo negli strettissimi casi previsti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.