Obbligo di pubblicazione e comunicazione del provvedimento di ammissione/esclusione delle concorrenti

Obbligo di pubblicazione e comunicazione del provvedimento di ammissione/esclusione delle concorrenti

Nella Sentenza n. 6459 del 26 settembre 2019, il Consiglio di Stato si è pronunciato in merito all’interpretazione del nuovo testo dell’art. 29 del Dlgs. n. 50/2016, il quale prevede espressamente, non soltanto l’obbligo di pubblicazione sul profilo del committente del provvedimento di ammissione/esclusione delle concorrenti, ma anche quello di comunicazione di tale provvedimento ai concorrenti (secondo le modalità indicate dalla stessa norma) con la precisazione che “il termine per l’impugnativa di cui al citato art. 120, comma 2-bis, decorre dal momento in cui gli atti di cui al secondo periodo sono resi in concreto disponibili, corredati di motivazione”. Secondo i Giudici amministrativi, ne consegue che il Principio della piena conoscenza deve essere particolarmente rigoroso, non potendosi intendere per piena conoscenza la mera consapevolezza dell’avvenuta ammissione alla gara, essendo necessario che ricorra una situazione “equivalente” a quella derivante dal rispetto degli oneri previsti dall’art. 29 citato che assicurano al concorrente la possibilità di conoscere gli atti di gara, e dunque le ragioni dell’ammissione. Ne consegue che non può ritenersi sufficiente la mera presenza di un rappresentante del concorrente alla seduta in cui viene decretata l’ammissione di un altro concorrente, per far decorrere il termine per l’impugnazione del provvedimento di ammissione alla gara di quest’ultimo, in mancanza della specifica prova sulla percezione immediata ed effettiva del contenuto della documentazione prodotta.


Related Articles

Appalti pubblici: l’Anac chiede lo stop dei bandi di gara senza copertura

E’ illegittimo e incostituzionale emanare un bando di gara relativo all’affidamento di lavori pubblici con una clausola che subordina i

Impianti di risalita funzionali al servizio di piste sciistiche: non c’è presupposto del classamento come “mezzo pubblico di trasporto”

Nella Ordinanza n. 6067 del 9 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità, con riferimento agli Impianti

Iva: aliquota agevolata del 10% sugli Interventi che, al di là dell’aspetto formale, sostanzialmente ricadono nel risanamento conservativo

Corte di Cassazione – Ordinanza 23 luglio 2021, n. 21162 L’Agenzia delle Entrate aveva notificato ad una Società un avviso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.