Obbligo di richiesta del “Durf”: l’Agenzia, seppur in modo confuso, conferma che i Comuni sono esclusi, non essendo soggetti a Ires

Obbligo di richiesta del “Durf”: l’Agenzia, seppur in modo confuso, conferma che i Comuni sono esclusi, non essendo soggetti a Ires

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 313 del 4 settembre 2020, ha fornito chiarimenti in merito alla natura commerciale dell’attività svolta dal Comune ai fini dell’applicazione, quale “committente”, dell’art. 17-bis del Dlgs. n. 241/1997 (c.d. “Durf”).

Il Comune istante ha chiesto se sia tenuto alle verifiche richieste in ordine al puntuale pagamento, da parte delle controparti contrattuali, delle ritenute effettuate da queste ultime nei confronti dei propri dipendenti, tenuto conto anche di quanto già precisato dalla Circolare n. 1/E del 2020, che ha considerato esclusi dall’ambito di applicazione della norma da

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ravvedimento operoso: nuovi chiarimenti delle Entrate sulle novità introdotte dalla “Manovra finanziaria 2015”

Con la Circolare n. 23/E del 9 giugno 2015, l’Agenzia delle Entrate è tornata sul tema del “ravvedimento operoso”, fornendo

Responsabilità amministrativa: condanna di Amministratori comunali per aver assunto spese legali in un ricorso per motivi elettorali

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale d’appello per la Regione siciliana – Sentenza n. 358 del 22 luglio 2014 Oggetto

Obbligo di formare i documenti delle P.A. solo in originale digitale: è ufficialmente sospeso ?

Il testo del quesito: “Sono a sottoporre un dubbio relativo alla questione della obbligatorietà della forma digitale per i documenti

1 comment

Write a comment

Only registered users can comment.