Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Nella Sentenza n.478 del 14 maggio 2017 del Tar Lombardia, i Giudici si esprimono sulla distinzione tra nozione di mera migliorìa rispetto al Progetto posto a base di gara, da quella di vera e propria variante. Infatti, al riguardo, i Giudici lombardi affermano che, nelle procedure ad evidenza pubblica finalizzate all’aggiudicazione di un contratto pubblico, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi su tutti gli aspetti lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del Progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione dal punto di vista tecnico, rimanendo comunque preclusa la modificabilità

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Aggiudicazione provvisoria: può essere legittimamente revocata per mancanza dei fondi, senza obblighi risarcitori verso il privato

Nella Sentenza n. 14 del 3 gennaio 2018 del Tar Lazio, l’aggiudicataria provvisoria di una gara ha impugnato la determinazione

Lavoro flessibile: applicabilità della deroga in materia di assunzioni al personale in servizio presso gli Asili nido

Nella Delibera n. 172 del 24 aprile 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede se le mansioni di

Emergenza sbarchi: vertice Anci-Interno, si va verso la replica del modello seguito nel 2014

  Maggior coordinamento tra Governo ed Enti Locali e conferma del modello seguito nel 2014, che punta su tre direttrici