Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Nella Sentenza n.478 del 14 maggio 2017 del Tar Lombardia, i Giudici si esprimono sulla distinzione tra nozione di mera migliorìa rispetto al Progetto posto a base di gara, da quella di vera e propria variante. Infatti, al riguardo, i Giudici lombardi affermano che, nelle procedure ad evidenza pubblica finalizzate all’aggiudicazione di un contratto pubblico, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi su tutti gli aspetti lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del Progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione dal punto di vista tecnico, rimanendo comunque preclusa la modificabilità

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Archivio nazionale degli stradari e dei numeri civici”: l’Istat e l’Agenzia delle Entrate invitano i Comuni a verificare i propri dati

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato nei giorni scorsi sul proprio sito web una Nota relativa allo “Archivio nazionale degli stradari

Immobili di proprietà di Istituti ecclesiastici: sono esenti Ici se destinati ad attività sanitarie svolte in maniera non commerciale

Nell’Ordinanza n. 20417 del 25 agosto 2017 della Corte di Cassazione, una contribuente aveva proposto ricorso avverso un avviso di

“Terzo Settore”: Anac esorta a non accorpare “Servizi assistenziali” diversi in una sola gara 

No all’accorpamento in un’unica gara di diversi servizi assistenziali perché rischia di creare una barriera per i piccoli operatori economici,