Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Nella Sentenza n.478 del 14 maggio 2017 del Tar Lombardia, i Giudici si esprimono sulla distinzione tra nozione di mera migliorìa rispetto al Progetto posto a base di gara, da quella di vera e propria variante. Infatti, al riguardo, i Giudici lombardi affermano che, nelle procedure ad evidenza pubblica finalizzate all’aggiudicazione di un contratto pubblico, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi su tutti gli aspetti lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del Progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione dal punto di vista tecnico, rimanendo comunque preclusa la modificabilità

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Chiusura Uffici postali: il Sottosegretario allo Sviluppo economico chiede un incontro per discutere del piano

Con la Nota 6 febbraio 2015, pubblicata sul sito istituzionale del Ministero dello Sviluppo economico, è stata reso noto che

“Dichiarazione Iva 2017”: per gli adempimenti fiscali connessi alla scadenza il riferimento la data è il 28 febbraio 2017

Tutti gli adempimenti fiscali aventi scadenza successiva al 28 febbraio 2017 e connessi al “termine di presentazione” del Modello di

Contratto di servizio Società “in house”: può avere scadenza successiva a quella del rapporto tra l’Organo gestore e l’Ente Locale

Nella Sentenza n. 12133 del 23 ottobre 2015 del Tar Lazio, i Giudici affermano che la scadenza del contratto di