Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Nella Sentenza n.478 del 14 maggio 2017 del Tar Lombardia, i Giudici si esprimono sulla distinzione tra nozione di mera migliorìa rispetto al Progetto posto a base di gara, da quella di vera e propria variante. Infatti, al riguardo, i Giudici lombardi affermano che, nelle procedure ad evidenza pubblica finalizzate all’aggiudicazione di un contratto pubblico, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi su tutti gli aspetti lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del Progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione dal punto di vista tecnico, rimanendo comunque preclusa la modificabilità

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Centrali uniche di committenza: sancito l’accordo della Conferenza Stato-Città sulla proroga per l’entrata in vigore

Proroga al 1º gennaio 2015 per l’entrata in vigore della norma per l’acquisto di beni e servizi da parte delle

Tarsu: è dovuta se l’inutilizzabilità di un immobile non è stata denunciata dal contribuente

Nell’Ordinanza n. 15044 del 16 giugno 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’esclusione della Tarsu per l’inutilizzabilità

Contratto collettivo: la scelta di un concorrente di aderirvi non può essere imposta dalla “lex specialis”

Nelle Sentenza n. 45 del 13 gennaio 2017 del Tar Lombardia, una Fondazione ha indetto una gara d’appalto per l’affidamento