Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Offerte migliorative e varianti progettuali: Tar e Palazzo Spada chiariscono la differenza tra le une e le altre

Nella Sentenza n.478 del 14 maggio 2017 del Tar Lombardia, i Giudici si esprimono sulla distinzione tra nozione di mera migliorìa rispetto al Progetto posto a base di gara, da quella di vera e propria variante. Infatti, al riguardo, i Giudici lombardi affermano che, nelle procedure ad evidenza pubblica finalizzate all’aggiudicazione di un contratto pubblico, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi su tutti gli aspetti lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del Progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione dal punto di vista tecnico, rimanendo comunque preclusa la modificabilità

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Spesa di personale: la mobilità è neutrale in termini finanziari

Nella Delibera n. 378 del 19 dicembre 2014 della Corte dei conti Lombardia, un Comune chiede un parere sulla corretta

Minoranze linguistiche: al via le domande di finanziamento per i progetti a loro tutela

E’ disponibile sul sito web del Dipartimento degli Affari regionali, il Turismo e lo Sport della Presidenza del Consiglio dei