“Open data”: on line la nuova versione di dati.gov.it

“Open data”: on line la nuova versione di dati.gov.it

Con un Comunicato pubblicato l’8 giugno 2015 sul proprio sito istituzionale, il Governo ha annunciato l’avvenuta revisione del Portale “dati.gov.it”, dedicato agli “open data” pubblicati da Enti Locali, Ministeri e Regioni.

Le informazioni sono state riorganizzate in maniera più razionale e semplice, in maniera tale da poter essere consultati in maniera semplificata anche dai non addetti ai lavori e rendere ancora piú trasparente l’azione amministrativa.

La classificazione dei dataset per Temi – si legge nella Nota – restituisce 15 cataloghi verticali, i filtri per Genere sono trasversali alle altre classificazioni e aggregano dataset dal contenuto simile. I filtri tecnici permettono una ricerca tramite Formati e Licenze, quelli per Territorio permettono una ricerca per livelli amministrativi, quelli per Organizzazione – infine – permettono di condurre la ricerca a partire dal nome dell’amministrazione che ha rilasciato i dati. Una classificazione definita comparando quelle di riferimento usate dalla Comunità europea e da alcuni tra i migliori portali open data mondiali, in modo da favorire la valutazione e lo scambio di informazioni con altri Stati”.

Il Portale “dati.gov.it” è gestito da marzo 2015 dall’Agenzia per l’Italia Digitale e rientra nel cosiddetto “Piano Crescita Digitale”, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 3 marzo 2015.


Related Articles

Manovra 2022: dopo l’ok Commissione Bilancio, il testo approderà in Aula a Palazzo Madama il 24 dicembre

La Commissione Bilancio del Senato ha terminato il 21 dicembre 2021 l’esame del “Disegno di legge di bilancio per il

Tosap: occupazione suolo pubblico per le autostrade

Nell’Ordinanza n. 19693 del 25 luglio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità sono chiamati ad esprimersi in

Città metropolitane: personale e tagli di risorse al centro delle richieste dei Sindaci

Con un Comunicato-stampa diffuso sul proprio sito, l’Anci ha fatto il quadro di quanto emerso nel corso del Coordinamento dei