Operazioni di acquisto di immobili: solo se comprovate documentalmente l’indispensabilità e l’indilazionabilità

Operazioni di acquisto di immobili: solo se comprovate documentalmente l’indispensabilità e l’indilazionabilità

Nella Delibera n. 154 del 21 ottobre 2015 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede di sapere se l’usufrutto di beni immobili rientri o meno nel divieto di acquisto di beni e diritti immobiliari, già imposto alle Pubbliche Amministrazioni dall’art. 12, comma 1-quater, del Dl. n. 98/11. La Sezione osserva che non risulta più in vigore l’art. 12, comma 1-quater, del Dl. n. 98/11, convertito dalla Legge n. 111/11, che vietava alle Amministrazioni pubbliche di acquistare beni immobili a titolo oneroso e la cui efficacia temporale era espressamente limitata all’anno 2013. Dunque, la materia è attualmente regolata dall’art. 12, comma 1-ter, del Dl. n. 98/11, ove si stabilisce che, “a decorrere dal 1° gennaio 2014 al fine di pervenire a risparmi di spesa ulteriori rispetto a quelli previsti dal Patto di stabilità interno, gli Enti territoriali e gli Enti del ‘Servizio sanitario nazionale’ effettuano operazioni di acquisto di immobili solo ove ne siano comprovate documentalmente l’indispensabilità e l’indilazionabilità attestate dal Responsabile del procedimento. La congruità del prezzo è attestata dall’Agenzia del Demanio, previo rimborso delle spese. Delle predette operazioni è data preventiva notizia, con l’indicazione del soggetto alienante e del prezzo pattuito, nel sito internet istituzionale dell’Ente”. Quindi, la Sezione riconduce l’applicazione oggettiva della disciplina alle sole acquisizioni di beni immobili discendenti direttamente da contratti ad effetti traslativi di diritti reali. In questi casi, quindi, dovranno essere comprovate documentalmente l’indispensabilità e l’indilazionabilità dell’operazione, attestata dal responsabile del procedimento, e la congruità del prezzo, attestata dall’Agenzia del Demanio come previsto dal Dm. n. 108/14 e dalla successiva Circolare n. 19/14.


Related Articles

Revisori Enti Locali: vietato il terzo incarico nello stesso Comune

Nella Sentenza n. 1273 del 5 ottobre 2018 del Tar Puglia, la questione controversa in esame riguarda il divieto di

Mutui Enti Locali: in G.U. i tassi da applicare su quelli a tasso variabile per il II semestre 2015

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 172 del 20 luglio 2015 il Decreto 20 luglio 2015, con il quale

Mutui Enti Locali: stop al pagamento delle rate per i Comuni colpiti dal sisma dell’agosto 2016

Il Cda di Cassa Depositi e Prestiti ha deliberato in data 26 ottobre 2016 lasospensione dei pagamenti delle rate dei