Ordinanze contingibili e urgenti: presupposti legittimanti

Ordinanze contingibili e urgenti: presupposti legittimanti

Nella Sentenza n. 536 del 22 gennaio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che, in materia di Ordinanze contingibili e urgenti ex art. 54, del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), con riguardo all’individuazione del destinatario dell’Ordine di eseguire i lavori indispensabili per eliminare il pericolo, presupposto necessario è la disponibilità del bene in capo a tale soggetto, che costituisce condizione logica e materiale indispensabile per l’esecuzione dell’Ordine impartito. Inoltre, i Giudici precisano che in presenza di una conclamata condizione di pericolo per l’incolumità pubblica, per la legittimità dell’Ordine è sufficiente che il Comune provveda ad individuarne i destinatari in base alla situazione di fatto che si presenta nell’immediato, indipendentemente da ogni laboriosa e puntuale ripartizione, di fronte a più soggetti eventualmente obbligati, dei rispettivi oneri di concorso all’eliminazione dell’accertata situazione di pericolo. Il fatto che l’Ordine di esecuzione dei lavori è legittimamente indirizzato al soggetto nella condizione di eliminare la situazione di pericolo lascia impregiudicata, perché estranea alla funzione del Provvedimento contingibile e urgente, la diversa e successiva questione dell’accollo economico dei costi dell’intervento in capo ai soggetti responsabili.


Related Articles

Indennità di funzione: l’Assessore che sia Insegnante supplente a tempo determinato ha diritto alla metà

Nella Delibera n. 88 del 10 aprile 2019 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha chiesto un parere in

Cartella esattoriale non preceduta da avviso di accertamento: deve essere motivata in modo congruo, sufficiente e intellegibile

Nell’Ordinanza n. 31270 del 4 dicembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che la cartella esattoriale,

Tasi: chiarimenti ministeriali sull’applicazione della maggiorazione dello 0,8 per mille

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Dipartimento delle Finanze la Risoluzione 29 luglio 2014, n. 2/DF, titolata “Art.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.