“Pace fiscale”: al via la “Definizione delle violazioni formali”, pronte le Istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

“Pace fiscale”: al via la “Definizione delle violazioni formali”, pronte le Istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 6/E del 1° aprile 2019 ha fornito i chiarimenti di dettaglio sulla “Definizione agevolata delle liti pendenti” introdotta dagli artt. 6 e 7 del Dl. n. 119/2018.

Il Documento di prassi spiega che rientrano nel perimetro della “Definizione” i contenziosi sugli avvisi di accertamento, i provvedimenti di irrogazione di sanzioni, gli atti di recupero di crediti d’imposta indebitamente utilizzati, e in generale sugli atti impositivi che recano una pretesa tributaria quantificabile. Più in particolare, la Circolare indica quali liti sono da considerarsi pendenti ai fini della “Definizione agevolata”, come si determinano il valore della controversia, gli importi dovuti e le percentuali nei casi di soccombenza parziale.

La Nota dell’Amministrazione finanziaria ricorda che la procedura è ammessa esclusivamente per le controversie tributarie in cui è parte l’Agenzia delle Entrate, aventi ad oggetto atti impositivi, pendenti in ogni stato e grado di giudizio – compreso quello in Cassazione e anche a seguito di rinvio – nelle quali il ricorso sia stato notificato entro il 24 ottobre 2018, e per le quali alla data di presentazione della domanda il processo non si è concluso con pronuncia definitiva.

Come funziona la “Definizione agevolata delle liti

Entro il 31 maggio 2019, i contribuenti interessati devono trasmettere in via telematica la domanda e pagare l’intero importo agevolato (o la prima rata in caso di rateazione per importi superiori ai mille euro). L’importo da versare è pari al 100% del valore della controversia in caso di soccombenza del contribuente o di ricorso notificato al 24 ottobre 2018, mentre è pari al 90% in caso di ricorso pendente in primo grado e depositato o trasmesso alla Ctp. alla data del 24 ottobre 2018.

Sono previsti inoltre pagamenti ridotti, pari al 40% e 15%, in caso di soccombenza dell’Agenzia in primo e secondo grado di giudizio, e del 5% del valore della controversia in caso di giudizio pendente in Cassazione nel caso in cui l’Agenzia risulti soccombente in tutti i precedenti gradi di giudizio.

Se non vi sono importi da versare, la “Definizione agevolata delle liti pendenti” si perfeziona con la sola presentazione della domanda.

Il perimetro dell’agevolazione

Il Documento di prassi chiarisce che non possono essere definite le liti che hanno ad oggetto ruoli, cartelle di pagamento e avvisi di liquidazione. Quindi, in linea generale non possono essere definite le controversie che hanno ad oggetto i ruoli per Imposte e ritenute che, sebbene indicate in Dichiarazione, risultano non versate (artt. 36-bis del Dpr. n. 600/73 e 54-bis del Dpr. n. 633/72) poiché in questi casi al recupero delle Imposte non versate si provvede attraverso un atto di mera riscossione.

Rientrano nel perimetro della “Definizione agevolata” invece i ruoli che scaturiscono dalla rettifica di alcuni dati indicati in Dichiarazione, per esempio in caso di riduzione o esclusione delle deduzioni e detrazioni non spettanti sulla base dei dati dichiarati dai contribuenti. In questa circostanza, infatti, il ruolo assolve una funzione di provvedimento impositivo, in quanto scaturisce dalla rettifica della dichiarazione.

Focus sui casi di soccombenza parziale

La Circolare n. 6/E illustra inoltre come definire in via agevolata i casi in cui il Giudice di primo o di secondo grado abbia dato ragione in parte all’Agenzia e in parte al contribuente (casi di reciproca soccombenza). E’ proposto l’esempio di una lite in cui la Sentenza di primo grado ha annullato parzialmente l’avviso di accertamento, dando ragione all’Agenzia per 15.000 Euro su una maggiore imposta accertata di 20.000 Euro (annullando l’accertamento per la quota di 5.000 Euro). In questo caso, il valore della lite è pari all’importo contestato (20.000 Euro), mentre l’importo lordo dovuto per definire la lite è pari a 17.000 Euro (2.000+15.000), ovvero la somma del 40% di 5.000 Euro (Imposta annullata dalla Sentenza) e del 100% di 15.000 Euro (Imposta confermata dalla Sentenza). Nel caso di una Sentenza di reciproca soccombenza di secondo grado, invece, si applicherà il 15% sulla parte del valore della lite per la quale la Pronuncia del Giudice ha stabilito la soccombenza dell’Agenzia delle Entrate e il 100% sulla restante parte.

Quando le sanzioni non sono collegate al Tributo

Per quanto concerne la “Definizione agevolata delle liti pendenti” che riguardano sanzioni non collegate al Tributo, l’Amministrazione finanziaria precisa che questa particolare disciplina si applica a tutti i casi di pendenza delle controversie relative, incluse quelli pendenti in Cassazione.

Invece, le liti che riguardano esclusivamente le sanzioni collegate ai Tributi ai quali fanno riferimento, in cui manca però la definizione dell’importo relativo agli stessi, sono definibili in base alle percentuali fissate dal Decreto relativamente allo stato e al grado della controversia (100%, 90%, 40%, 15% e 5%).


Related Articles

Tia: diritto di emendare retroattivamente la Dichiarazione Tia

Nella Sentenza n. 453 dell’11 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, una Società impugnava l’avviso di accertamento notificato da altra

Istat: in G.U. l’Elenco delle Amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 227 del 30 settembre 2015 l’Elenco annuale Istat relativo alle Amministrazioni pubbliche inserite nel

Società “in house”: la responsabilità in caso di mancato esercizio del “controllo analogo” 

Allo scopo di voler mettere in evidenza le possibili conseguenze relative al mancato esercizio del “controllo analogo” per gli affidamenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.