Pagamento diretto dei subappaltatori: qual è il comportamento da adottare dal punto di vista Iva e della verifica sulla tracciabilità?

Pagamento diretto dei subappaltatori: qual è il comportamento da adottare dal punto di vista Iva e della verifica sulla tracciabilità?

Il quesito:

E’ corretto, a seguito di inadempienza di pagamento dell’appaltatore nei confronti dei sub-appaltatori, rilasciare certificato di pagamento procedendo a pagare l’importo della fattura a saldo dell’appaltatore a favore dei sub-appaltatori. Volevamo dei chiarimenti da un punto di vista fiscale, in particolare ai fini Iva ed anche relativamente alla tracciabilità dei pagamenti”.

 

La risposta dei ns. esperti:

La problematica in questione è disciplinata dal nuovo “Codice degli Appalti” ed in particolare dall’art. 105, comma 13, del Dlgs. n. 50/16.

Fiscalmente, nel rapporto tra appaltatore e subappaltatore viene applicato il regime del “reverse charge

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tosap: è dovuta sui cassonetti piazzati dalla Società che gestisce il “Servizio di raccolta rifiuti”

Nella Sentenza n. 22490 del 27 settembre 2017 della Corte di Cassazione, una Società notificava ad altra Società 4 avvisi

“Split payment”: tra i chiarimenti della Circolare “omnibus” delle Entrate anche la scissione dei pagamenti

Dalla “Certificazione unica” al “reverse charge” passando per “split payment” e nuovo regime forfettario: sono solo alcuni dei moltissimi temi

“Definizione agevolata delle controversie tributarie”: ulteriori chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito web istituzionale la Circolare n. 23/E del 25 settembre 2017, contenente risposte