Pareggio di bilancio: nessuna deroga neanche in caso di spese impreviste intervenute in corso di esercizio

Pareggio di bilancio: nessuna deroga neanche in caso di spese impreviste intervenute in corso di esercizio

Nella Delibera n. 163 del 7 giugno 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere relativo alla possibilità di applicare nel corso del 2016 la nuova disciplina del pareggio di bilancio nel caso in cui nel corso d’anno intervenga la necessità di effettuare nuove spese non previste in sede di programmazione al momento dell’approvazione del bilancio di previsione.

L’Ente ha una precisa conoscenza della nuova disciplina del pareggio di bilancio introdotta dalla Legge n. 208/15 in sostituzione delle regole sul Patto di stabilità interno. La Sezione rileva che l’art. 1, comma 707, della citata “Legge di stabilità  2016”, ha previsto la cessazione dell’applicazione di tutte le norme concernenti la disciplina del Patto di stabilità interno degli Enti Locali a partire dall’anno 2016.  Inoltre, è stato previsto che, ai fini del concorso al contenimento dei saldi di finanza pubblica, gli enti di cui all’art. 9, comma 1, della Legge n. 243/12, vale a dire gli Enti Locali, devono conseguire un saldo non negativo, in termini di competenza, tra le entrate e le spese finali.

Quindi, la Sezione statuisce come non sia possibile derogare alla disciplina del pareggio di bilancio neppure qualora intervengano situazioni particolari in corso di esercizio che impongano l’effettuazione di nuove spese. Anche in presenza di avanzo disponibile, l’Ente Locale è tenuto ad osservare la disciplina di finanza pubblica non potendo violare il principio di equilibrio che ha sostituito la disciplina del Patto di stabilità interno.


Related Articles

Mancato rispetto del Patto di stabilità: determinate le sanzioni per Province e Città metropolitane relative all’anno 2014

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, rende disponibile sul proprio sito istituzionale l’Elenco delle Province e delle

Scioglimento per infiltrazione mafiosa: valutazione non atomistica dei fatti

Nella Sentenza n. 4026 del 17 giugno 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che la valutazione ai fini

“Fondo salario accessorio”: riconoscimento di fondi vincolati in materia di attività istruttorie per il condono edilizio

Nella Delibera n. 9 del 14 febbraio 2020 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco ha chiesto un parere in