Partecipate: limiti di influenza del socio privato a fini della qualificazione come Società a controllo pubblico

Partecipate: limiti di influenza del socio privato a fini della qualificazione come Società a controllo pubblico

Nella Delibera n. 76 del 3 ottobre 2019 della Corte dei conti Umbria, un Sindaco ha chiesto:

a) se possa essere considerata a controllo pubblico una Società nella quale per la modifica dello Statuto e per qualsiasi altra deliberazione dell’Assemblea ordinaria e straordinaria sia previsto il voto decisivo del socio privato;

b) se, dal combinato disposto dell’art. 2 del Dlgs. n. 175/2016, comma 1 lett. b) e lett. m) ne discende che il “consenso unanime” di tutte le parti che condividono il controllo si riferisca solo alle Pubbliche Amministrazioni. Se possa essere riconosciuta la qualità di Società a controllo pubblico ad una Società in cui siano esercitabili in Assemblea poteri di veto sia dal socio pubblico che dal socio privato;

c) se possa essere qualificata a controllo pubblico una Società in presenza di elementi quali: la maggioranza azionaria di un socio privato; la presenza necessaria del voto del socio privato per qualsiasi decisione assembleare in seduta sia ordinaria che straordinaria, la nomina da parte del socio privato della maggioranza degli Amministratori, la nomina da parte del socio privato del Consigliere delegato a cui lo statuto assegna ampi poteri gestori.

La Sezione, in risposta al primo quesito, afferma che non può essere considerata a controllo pubblico una Società nella quale per la modifica dello Statuto e per qualsiasi altra deliberazione dell’Assemblea ordinaria e straordinaria è previsto il voto decisivo del socio privato. In particolare, non può essere qualificata a controllo pubblico una Società nella quale il socio privato detiene la maggioranza azionaria ovvero il cui voto è necessario per qualsiasi decisione assembleare in seduta sia ordinaria che straordinaria.

Per rispondere al secondo quesito, la Sezione rileva che non può essere riconosciuta la qualità di Società a controllo pubblico ad una Società in cui siano esercitabili in assemblea poteri di veto sia dal socio pubblico che dal socio privato.

Infine, in risposta all’ultimo quesito, la Sezione chiarisce che non può essere qualificata a controllo pubblico una Società in presenza di elementi quali: la maggioranza azionaria di un socio privato, la presenza necessaria del voto del socio privato per qualsiasi decisione assembleare in seduta sia ordinaria che straordinaria, la nomina da parte del socio privato della maggioranza degli Amministratori, la nomina da parte del socio privato del Consigliere delegato a cui lo Statuto assegna ampi poteri gestori.


Related Articles

“Smart cities”: al via il bando “Efisio, finanziare città intelligenti”

L’Anci ha annunciato, con la Nota 11 aprile 2014 pubblicata sul proprio sito istituzionale, la pubblicazione del bando per la

Mobilità in uscita di dipendente appartenente a “categorie protette”: nuova assunzione deve garantire rispetto quota d’obbligo

Nella Delibera n. 131 del 28 settembre 2018 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto un parere sulla

Farmacie: ampia discrezionalità per l’Amministrazione nell’individuazione delle sedi

Nella Sentenza n. 1109 del 6 maggio 2015 del Tar Lombardia, i Giudici lombardi rilevano che la Corte di Giustizia

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.